SARONNO – Presente anche il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, e l’assessore lombardo all’Istruzione e formazione, Valentina Aprea, al Palazzo regionale di Milano sono state consegnate alle scuole destinatarie le prime voting machine, di fatto dei piccoli computer impiegati in precedenza soltanto per il voto elettronico nel recente referendum regionale; ed è stata data la precedenza agli Istituti di primo grado, più bisognosi di questo tipo di risorse. Tuttavia, oltre a questi, sono stati destinatari della donazione anche quattro licei, selezionati in base all’eccellenza dei risultati conseguiti, compreso il liceo classico statale “Stefano Maria Legnani” di via Volonterio a Saronno, a testimonianza dell’elevata qualità di tutti i suoi indirizzi: classico, linguistico e scienze umane nelle due opzioni (standard ed economica). Il numero di apparecchi assegnata, inizialmente previsto in venti esemplari, è stato poi portato a venticinque.

Al liceo si è appena tenuta la culturale “Notte bianca del Classico” e si è svolto il secondo open day.

18012018

5 Commenti

    • Talmente concreto che alle prossime elezioni non potranno essere usati
      E se ci saranno altre elezioni o referendum andranno riconfigurati (a pagamento).
      Insomma…

  1. Adesso un po’ di sano giornalismo di inchiesta potrà appurare se questi ” così” servono così cone sono, se sono stati ricondizianti (ulteriore costo per i cittadini) o sono solo pezzi di plastica (qualcuno ricorda i ritardi nel dar i risultati o e già scattata la memotia del pesce rosso?)

  2. sono dei catorci, costati circa 900 euro cadauno. Andate in qualunque centro commerciale e guardate quanto costano i tablet equivalenti. Concretezza, si nelle spese pazze

Comments are closed.