SARONNO – Dopo che il vicesindaco Pier Angela Vanzulli li ha accolti in Municipio ricevendo i loro doni e il loro appello ad avere più attenzione e informazione sulle aree dismesse per consolare i “Re Mogi” scende in campo l’assessore all’Ambiente Gianpietro Guaglianone.

“Vogliamo confortare i nostri tristi “Re mogi” – spiega l’assessore facendo riferimento all’iniziativa organizzata all’Epifania da Ambiente Saronno e Comitato Acqua Bene comune per accendere i riflettori sul tema delle aree dismesse – ricordando che le bonifiche, terreni e amianto, sono in corso proseguono con buoni risultati. Non solo c’è anche un costante monitoraggio del comune e soprattutto una continua informazione dei cittadini”.

A conferma di quanto afferma l’assessore snocciali i dati emersi dal suo ultimo sopralluogo, qualche giorno fa, nell’area dismessa alle porte della Cassina Ferrara.
“La prima cosa che abbiamo potuto notare – esordisce l’esponente della Giunta – sono le attività in corso, da dicembre, per la rimozione dell’amianto che comporterà l’eliminazione di 600 metri quadrati di coperture, 100 metri lineari di tubazioni metalliche a cui si aggiungono 600 metri quadrati di materiale che coinbentava le tre caldaie che erano a servizio dell’intero insediamento produttivo”. Le operazioni procedono spedite tanto che a febbraio sarà completata la bonifica della centrale termica a cui farà seguito la relativa demolizione.

Uno step propedeutico per completare, in condizioni di sicurezza, la bonifica dei terreni con l’asporto di quelli ancora contaminati localizzati vicino all’edificio abbattuto.

Se Guaglianone si concetra sugli aspetti tecnici la fare la chiosa politica è il consigliere comunale e presidente della commissione Ambiente Carlo Pescatori anche lui presente al sopralluogo: “Solo nel 2015, in contemporanea con l’insediamento della nuova Amministrazione, hanno preso avvio gli interventi operativi per la bonifica dei suoli e la definitiva approvazione della bonifica della falda. Abbiamo fatto partire questi interventi e ne stiamo controllando la durata e la qualità perché il nostro obiettivo è garantire la salute dei cittadini”.

26012018

6 Commenti

  1. È inutile dare spiegazioni a persone che sollevano problematiche solo per avere visibilità sappiamo tutti che fra 2 mesi ci sono le elezioni….ricordatevi che c’è sempre un perché a tutto!

  2. Il sarcasmo del barbuto assessore onestamente non mi piace. L’informazione non va fornita come merce di consolazione ma è dovere primario di un amministratore. Diciamo che GP (come amano chiamarlo i suoi fan), dopo l’ultima apparizione allo stadio Gianetti, ha colto l’ennesima occasione per farsi fotografare con il solito caschetto : lui si che è in prima linea.

  3. Noto che continua l’assordante silenzio sulla bonifica della falda che la cosa che più preoccupa i cittadini in quanto è la sola che potrebbe eliminare definitivamente i solventi clorurai ancora presenti nel pozzo Parini-
    La cosa è tanto più grave in quanto nella citata Conferenza del Servizi del luglio 2015 era stata definita necessaria ed urgente.
    Infine una notazione, anche personale, alla conferenza dei servizi si era arrivati a quel risultato per il lavoro della Commissione Acqua (di cui Pescatori faceva parte senza aver mai mostrato dissensi e condividendo tutte le scelte. La nuova amministrazione (anche comprensibilmente essendo insediata da una settimana) aveva fato scena muta.

Comments are closed.