Raccolta firme “anti Telos”: dopo la firma del sindaco in piazza, si prosegue online

689
7

SARONNO – La petizione di Sos Italia Libera contro i raid vandalici del centro sociale Telos prosegue online.

Acconto alle 150 firme raccolte in piazza è arrivato online, sul sito www.petizionepubblica.it la raccolta firme online. Al momento sono 89 le persone che hanno aderito.

Ecco il testo della petizione

Raccoglieremo con un gazebo per la raccolta di firme di tutti i cittadini onesti e commercianti stanchi delle prepotenze gratuite da parte dei centri sociali denominati -Telos- che distruggono il decoro e la tranquillità della città con scritte ingiuriose verso le forze dell’ordine – sui muri – nelle vetrine dei negozi e addirittura nei portoni delle chiese senza rispetto alcuno. Successivamente Sos Italia Libera darà mandato ai suoi avvocati di formalizzare una denuncia penale collettiva.

Tra i firmatari anche diversi esponenti dell’Amministrazione e il sindaco Alessandro Fagioli che si è fermato a lungo a parlare con Paolo Bocedi, presidente di Sos Italia Libera che ha organizzato la petizione e con i cittadini presenti. Rimarcando come la città sia sotto attacco, come detto recentemente ad un incontro col Prefetto. 

(foto: sindaco che firma la petizione)

7 Commenti

  1. Lo stesso prefetto che voleva imporre 22 profughi in una struttura non a norma delle suore, messo in difficoltà dal sindaco, difficilmente si prodigherà per risolvere il problema Telos ai Saronnesi.

    • Lo stesso sindaco che aveva assicurato in campagna elettorale che avrebbe risolto i problemi sicurezza e telos e che si trova perennemente incapace di risolverli.

      • ..e che firma un qualcosa che non è una denuncia penale ma una raccolta firme per una denuncia di cui non si sa il contenuto e contro chi….non dico che siamo al ridicolo, siamo al tragico

  2. Imbarazzanti. Fagioli manderà a casa sua i vigili per controllare l’autenticità della sua firma? Tragicomici.

  3. Ma non ho capito: Fagioli firma una petizione per chiedere di fare qualcosa contro i Telos? Ma non dovrebbe in primis fare qualcosa l’amministrazione? Deve essere l’abitudine allo scaricabarile… così potrà dire di aver chiesto a gran voce di fare qualcosa ma i destinatari della richiesta sono rimasti con le mani in mano! Si deve forse indagare su una pericolosa sindrome bipolare (medica non politica)?

Comments are closed.