SARONNO – Troppo interessante, per tutti gli amanti del calcio, avere a disposizione Paolo Mazzoleni per aprire l’incontro solo agli “addetti ai lavori”: è per questo che l’appuntamento organizzato dall’Aia, la sezione saronnese dell’Associazione arbitri, con l’arbitro internazionale è diventato un evento pubblico, aperto a tutti i cittadini. Si è svolto l’altra sera nella sala del Bovindo di Villa Gianetti, in collaborazione con l’Amministrazione comunale. A fare gli onori di casa il presidente locale dell’Aia, Davide Rosio, con i suoi collaboratori, a partire da Edoardo Piazza e Stefano Giannetti; tra gli altri c’erano anche l’assessore comunale allo Sport, Gianpietro Guaglianone; ed il presidente del Comitato regionale arbitri della Lombardia, Alessandro Pizzi.

Mazzoleni è stato al centro di una informale chiacchierata con i presenti, e si è rivolto soprattutto ai giovani invitandoli a mettersi in gioco “diventando protagonisti per davvero e non, come spesso avviene oggi, solo “virtualmente” con Facebook o Whatsapp”. Fra i molti temi toccati, immancabile quello della Var, “approvata”, ed anche di una regione Lombardia dove ci sono tanti arbitri ma pochi riuscono a raggiungere un livello elevato, il bergamasco Mazzoleni è l’unico di serie A.

(foto: alcuni momenti della serata)

09032018

2 Commenti

  1. protagonisti ma non alla ricerca di protagonismi che di disastri in zona ne vediamo tutte le domeniche.

    • Eh sì…. ha proprio ragione…. il livello medio delle squadre dei campionati giovanili è indecente…. quasi impossibile vedere tre passaggi di fila….

Comments are closed.