Ultimo saluto a Peppo: “E’ stato un dono per la nostra comunità”

1502
4

SARONNO – La chiesa di San Giovanni Battista ha contenuto a stento tutti i saronnesi che stamattina si sono ritrovati per l’ultimo saluto a Giuseppe Clerici, conosciutissimo in città per il suo grande impegno nel mondo dello sport e dell’associazionismo saronnese.

Peppo, come era noto a tutti, si é spento giovedi sera, all’età di settant’anni, dopo aver lottato a lungo, con accanto la moglie e i 4 figli, contro la malattia.

Alle esequie é stata presente una delegazione del Coro Alpe di cui Peppo é stato membro, il Cai con il presidente Antonio Renoldi, l’Amor sportiva con tantissimi dirigenti e giocatori della prima squadra e del settore giovanile. Presenti diverse autorità: l’assessore alle Sport Gianpietro Guaglianone, il presidente del consiglio comunale Raffaele Fagioli e il consigliere comunale Francesco Banfi. Tra le oltre 300 persone che hanno gremito la chiesa tanti esponenti della società civile da molti volontari di Radiorizzonti a membri di associazioni. Tanti anche gli esponenti del mondo dello sport locale. Non ha caso sulla bara è stata posta anche una maglia dell’Amor ed un disegno dei piccoli atleti.

“Oggi – ha esordito nell’omelia don Luigi Carnelli che ha celebrato i funerali con don Angelo Centemeri ex prevosto – siete venuti in tanti oggi a salutare un amico. Non a caso il “Coro Alpe” ha aperto la messa cantando “Amici miei venite”. La disponibilità era la cifra di Peppo. Un uomo sempre pronto a darsi da fare e ad aiutare”

“L’ha fatto in diversi ambiti – ha continuato – nel coro, all’Amor Sportiva dove dedicava il suo tempo ai giovani a al Cai. Peppo è stato un dono per la nostra comunità, dava il suo tempo agli altri gratuitamente e di questo dobbiamo essergli grati e soprattutto seguire il suo esempio”.

Al termine della funzione Luciano Caironi ha letto, prima della preghiera del corista, il ricordo del Coro Alpe: “Perdere un amico é sempre difficile ma se é un amico prezioso come Peppo il lutto é tremendo”. Sull’altare è stato anche Stefano Lovera allenatore dell’Amor Sportiva: “Anche se eravamo preparati quando abbiamo saputo della scomparsa di Peppo siamo andati in panico. Onesto, cortese e sempre disponibile così ti hanno descritto in questi giorni. Un signore con la S maiuscola e l’incarnazione di tutti gli ideali dell’Amor Sportiva”.

28042018

4 Commenti

  1. Una brava persona, un amico per tutti. Tantissima gente per l’ultimo saluto. Ciao Peppo

  2. Grazie per le bellissime parole.
    Il disegno sulla bara è stato fatto dal nipote Nicolas e non dai giovani atleti.

    La famiglia

Comments are closed.