Home Città Maria Piera Girola nuovo preside del liceo scientifico Grassi

Maria Piera Girola nuovo preside del liceo scientifico Grassi

1872
3

SARONNO – Scuole, dopo le maturità (i cui risultati verranno pubblicati nei prossimi giorni su ilSaronno) ecco il nuovo preside dello scientifico cittadino. Al “popoloso” liceo statale “Grassi” di via Benedetto Croce, infatti, è in arrivo, proveniente dall’istituto comprensivo “De Gasperi” della vicina Caronno Pertusella, la nuova preside: si tratta di una saronnese doc come Maria Piera Girola. Un avvicendamento è stato annunciato, dal Provveditorato agli studi di Varese, anche per quanto concerne la vicina Tradate e nello specifico il liceo “Curie” dove Patrizia Neri cede il testimone a Gian Paolo Residori, che proviene dal “Comprensivo Don Cagnola” di Gazzada Schianno.

Il liceo scientifico di Saronno nasce nei mesi successivi alla seconda guerra mondiale come scuola comunale, sovvenzionata dalle famiglie degli alunni e da un “Comitato pomotore” formato da cittadini e sostenuto da banche, commercianti, professionisti e ditte. Il 27 settembre 1945 il Commissario scolastico per la Lombardia al Comando Alleato concede il riconoscimento legale al liceo scientifico e così il 1 ottobre 1945 inizia il primo anno scolastico del Civico liceo scientifico di Saronno, con sede nell’edificio scolastico “Ignoto Militi”, in via Antici, dove già si trovano le scuole elementare e professionale. Rimane una scuola comunale fino al 1959, anno in cui diventa un liceo scientifico statale. Nel 1961 il liceo viene intitolato a “Gb Grassi”, il noto scienziato di Rovellasca; nel 1969 viene trasferito nel nuovo edificio di via Benedetto Croce, appositamente costruito e dove ancor oggi ha sede. 

(foto: il liceo scientifico statale “G.B. Grassi” di Saronno)

20072018

3 Commenti

  1. Un buon preside si giudica dalla professionalità, dalla dedizione, dalla competenza, non dal fatto di essere “saronnese doc”. La Preside Maria Piera Girola è stata docente allo scientifico per più di 30 anni e vicepreside per molti anni, quindi ha una conoscenza profonda di questa scuola, indipendentemente dall’essere “saronnese doc”, definizione decisamente riduttiva ed inutile.

Comments are closed.