CERIANO LAGHETTO – E’ stato un fine settimana davvero speciale per Ceriano Laghetto, quello appena archiviato. Da venerdì a lunedì, numerosi appuntamenti religiosi in chiesa parrocchiale e d’intrattenimento in piazza e all’oratorio, hanno celebrato i 109 anni di consacrazione della chiesa di San Vittore, richiamando sempre un gran numero di partecipanti. Dopo l’apertura degli eventi religiosi venerdì sera con la cerimonia della benedizione della reliquia della Madonna, sabato sera per la festa tra piazza e Giardinone, si sono riversate in centro diverse centinaia di persone, per nulla intimidite da un cielo che sembrava minacciare pioggia. La pioggia non è arrivata e in compenso è arrivato tanto divertimento, prima con le canzoni popolari milanesi, magistralmente eseguite dai Cantamilano, Bruno Bastoni e Marcus & Nadine e introdotte da Giorgia Colombo di Telelombardia sul palco allestito davanti all’arengario, poi spazio al coinvolgente concerto di musica pop con il gruppo “The funky machine”, garanzia di divertimento per tutti. Non sono mancate, naturalmente, le proposte gastronomiche tra Villa Rita, piazza Lombardia e street food.

Domenica la festa è stata aperta dalla celebrazione solenne presieduta dal cardinale Francesco Coccopalmerio ed è proseguita in oratorio con giochi e pesca di beneficenza per poi concludersi in serata con la tradizionale processione mariana per le vie del centro e i fuochi d’artificio. Lunedì è stato ospite a Ceriano Laghetto l’arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, che ha presieduto la celebrazione a cui hanno partecipato i sacerdoti del Decanato di Saronno, insieme a quelli nativi di Ceriano Laghetto. L’arcivescovo ha incontrato i fedeli prima dell’inizio della celebrazione, mentre al termine ha visitato gli ospiti del centro diurno integrato Macallè, accompagnato dal parroco don Giuseppe Collini, dal sindaco Dante Cattaneo, dall’assessore alla Cultura Asha Fusi e dai volontari della struttura. Lo stesso arcivescovo si è quindi intrattenuto a pranzo in oratorio. “E’ stata una festa patronale molto partecipata e ricca di momenti intensi – commenta il parroco don Giuseppe Collini – E’ stato particolarmente bello l’incontro del nostro arcivescovo con la comunità cerianese, che ha saputo manifestare la propria devozione e la propria partecipazione a questa ricorrenza, nonostante per molti sia ancora periodo di ferie”. Soddisfazione per l’ottimo esito della festa è stata espressa anche dall’assessore Asha Fusi: “E’ sempre bello vedere tanta gente che risponde con entusiasmo alle proposte messe in campo dall’Amministrazione comunale in queste occasioni, grazie alla collaborazione di molti volontari”.

30082018

PROVA