SARONNO – Domani al Tar si terrà la prima udienza in merito al ricorso presentato da Pellegrini, storica azienda del settore della ristorazione, contro l’assegnazione del nuovo appalto del servizio mensa delle scuole saronnesi alla Sodexo Italia spa di Cinisello Balsamo.

Di cosa si parla? Fondamentalmente oggetto del contendere è il servizio di refezione scolastica. Il comune ha bisogno che annualmente siano forniti 400 mila pasti agli studenti saronnesi. Il pacchetto comprende anche i pasti a domicilio che l’Amministrazione realizza per le famiglie in difficoltà. Il costo complessivo che si aggira intorno ai 2 milioni di euro.

L’appalto, realizzato dopo un paio di proroghe al vecchio gestore, è stato portato dall’Amministrazione comunale tramite la Centrale unica di committenza ed assegnato a fine luglio. Ad aggiudicarsi l’appalto Sodexo Italia che era pronta a subentrare mettendo in cantiere anche alcuni interventi di manutenzione e miglioramento degli spazi.

Ad agosto Pellegrini, precedente gestore del servizio mensa, ha presentato un ricorso al Tar. Le motivazioni non sono state rese note al momento.

Il Comune per far fronte alla situazione ha disposto una proroga dell’assegnazione alla Pellegrini sino a fine dicembre. E’ prevista una sospensiva se la vicenda al Tar si dovesse chiarirsi prima di questa data.

“Rimaniamo in attesa della sentenza – ha commentato il sindaco Alessandro Fagioli – confermando comunque che il servizio sarà assolutamente garantito e che non ci sarà nessun aumento delle tariffe per le famiglie”.

(foto archivio)

12092018