Home Groane Ceriano Laghetto Accordo: il difensore civico regionale a disposizione dei cerianesi

Accordo: il difensore civico regionale a disposizione dei cerianesi

131
3

CERIANO LAGHETTO – Uno strumento a difesa dei diritti dei cittadini (o delle imprese o delle associazioni) che si sentono danneggiati dalla Pubblica Amministrazione. E’ il “difensore civico regionale”. Nei giorni scorsi, il vicesindaco Roberto Crippa ha sottoscritto la convenzione tra Regione Lombardia e Comune di Ceriano Laghetto che consente ai cittadini cerianesi di avere accesso a questo servizio. Per il quale non è necessario recarsi fisicamente nella sede di Regione Lombardia a Milano, ma è possibile utilizzare strumenti di contatto anche a distanza attraverso il sito internet dedicato messo a punto dalla Regione.

Il difensore civico regionale è incaricato di tutelare i diritti e gli interessi dei cittadini e degli altri soggetti della società civile (associazioni, imprese, comitati) nei confronti della Regione Lombardia e delle altre amministrazioni pubbliche rientranti nella sua competenza. E’ eletto ogni sei anni dal Consiglio regionale e non è rieleggibile. Svolge le sue funzioni in piena autonomia, non ricevendo direttive dagli organi politici regionali. Il difensore civico regionale è a disposizione dei cittadini e si occupa, su richiesta dei cittadini o d’ufficio, per: illegittimità o irregolarità amministrative, iniquità o discriminazioni, mancanza di risposta o rifiuto d’informazione o d’accesso agli atti amministrativi, ritardi ingiustificati, carenza qualitativa dei servizi e simili. Il servizio è gratuito e aperto a tutti. In particolare interviene perché organi e uffici competenti eliminino episodi e cause di cattiva amministrazione, chiede i documenti relativi ad una pratica, senza il limite del segreto d’ufficio e può convocare il responsabile dell’Ufficio competente, che è tenuto a dargli risposta entro 30 giorni. La convenzione sottoscritta dal Comune di Ceriano Laghetto, come deliberato dal Consiglio comunale, prevede che i cittadini abbiano accesso a questo ufficio di tutela della legalità e della correttezza amministrativa, anche attraverso l’Ufficio relazioni con il pubblico del Comune, che si impegna a facilitare le procedure e fornire assistenza nella presentazione delle istanze. Il 30 aprile di ogni anno verrà trasmessa dal difensore civico una relazione sull’attività svolta per cittadini, imprese o associazioni residenti. “E’ un ulteriore servizio a disposizione di tutti i cittadini e a garanzia della trasparenza e della correttezza amministrativa” -ha commentato il vicesindaco Roberto Crippa, che ha firmato la convenzione con il difensore civico regionale, Carlo Lio.

31102018

3 Commenti

  1. Bene!
    Dovrebbe iniziare a difendere i cerianesi dai loro amministratori!
    Per chi non lo sapesse hanno fatto pagare delle tasse (TARSU) non dovute a centinaia di famiglie. Speriamo aiuti le famiglie cerianesi a recuperare il maltolto.
    Attendo fiducioso!

    PS: non è la solita presa di posizione “politica”: c’è una recente sentenza della Commissione Tributaria Provinciale che ha accettato il ricorso di un cittadino!!!!!

    Lasciatemi un commento: non c’è limite alla decenza, vediamo se si farà fotografare, e sorriderà, quando dovrà restituire il maltolto ai contribuenti!

  2. Bene! Innanzi tutto dovrà difendere le centinaia di cerianesi dai propri amministratori. Hanno fatto pagare la tassa rifiuti su aree esenti fregandosene delle rimostranze dei cittadini. Attenzione non è una bufala…la Commissione Tributaria Provinciale ha accettato il ricorso obbligando il Comune a restituire il maltolto e a pagare le spese di giudizio. Speriamo che il Difensore Civico prenda in carico questa ingiustizia.
    PS: Assessore senza vergogna anche lui era presente all’incontro dove venivano contestate le anomalie negli accertamenti. Chissà se riderà e si farà fotografare quando dovrà rendere il maltolto?
    Secondo invio
    Non vedo pubblicato quello già trasmesso!

  3. Dov’è la novità , anche senza accordo è possibile utilizzare tale servizio, il Comune di Ceriano Laghetto sia corretto e trasparente , e non sarà necessaria tale figura .Svolge le sue funzioni in piena autonomia, non ricevendo direttive dagli organi politici regionali, ci siamo dimenticati la polemica per la sua elezione ,quando anche il governatore Maroni era imbarazzato e non rispondeva alle domande dei giornalisti ? . Povera Lombardia .

Comments are closed.