Home Città Porte aperte al centro islamico: dialogo interreligioso, visite guidate e… the alla...

Porte aperte al centro islamico: dialogo interreligioso, visite guidate e… the alla menta

711
0

SARONNO – In occasione delle giornate della misericordia del profeta Muhammad il centro culturale islamico propone una giornata di “porte aperte” nella struttura di via Grieg “si tratta – spiegano gli organizzatori – di una buona occasione per conoscere meglio il messaggero dell’Islam e per approfondire la conoscenza reciproca”.

L’open day si aprirà sabato 3 novembre alle 11 con visite – guidate da giovani esperti – alla mostra sulla storia della vita del profeta Muhammad allestita in modo permanente nella struttura. “Grazie all’ausilio di plastici e gigantografie – spiegano i portavoce Sadok Hammami e Latif Chridi – il visitatore potrà vivere un’esperienza olistica riguardo alla vita ai tempi del profeta Muhammad e di come si svolse la sua storia completa. La giornata, che vede anche un pranzo tipico servito alle 13, avrà il suo culmine con il dibattito della serata, alle 18 quando un panel di esperti tratterà l’argomento della misericordia nelle diverse tradizioni religiose.

Ospiti e relatori si ritroveranno anche la sera precedente, venerdì 2 novembre, sempre alle 18 per un momento informale. Saranno presenti monsignor Armando Cattaneo, prevosto della città, don Giampiero Alberti, esperto nel dialogo interreligioso, don Giuliano Savina, direttore dell’ufficio nazionale per l’ecumenismo ed il dialogo interreligioso, Antonio Angelucci docente dell’università dell’Insubria di Varese/Como, il pastore valdese Gabriele Arosio, Paolo Branca noto islamologo e docente dell’università Cattolica di Milano, Antonio Cuciniello professore e ricercatore all’Università Cattolica di Milano e Paolo Gonzaga traduttore del primo commentario coranico dall’arabo all’italiano ed esperto di tradizione e religione islamica. “Abbiamo pensato – rimarcano Chridi e Hammami – di proporre anche alcuni aspetti concreti della vita araba, come i disegni sulla mano fatti con l’henné o la scrittura del proprio nome in caratteri arabi, il tutto sorseggiando del gustoso tè alla menta”.

(foto archivio)

01112018