SARONNO – “Una tempesta in un bicchier d’acqua, una bufera vista da pochi. Eppure una replica è doverosa”.

Inizia così la nota del segretario della Lega Claudio Sala in merito alla bagarre provocata dalla scelta dell’Amministrazione comunale di utilizzare il settimanale comunale Saronno Sette non solo per avvisi e comunicazione ma anche per informazioni su delibere e provvedimenti presi dalla maggioranza. Una vicenda che ha tenuto banco nell’ultima settimana nel mondo politico saronnesi tanto da registrare interventi nell’ordine dei consiglieri comunali Francesco Banfi, Franco Casali, Alfonso Indelicato del presidente del consiglio comunale Raffaele Fagioli, del suo predecessore Augusto Airoldi e del capogruppo del Pd Francesco Licata.

“Il capogruppo del Pd Licata – esordisce Sala – dovrebbe fare un serio esame di coscienza prima di esternare tutta la sua frustrazione; forse brucia ancora l’espulsione dal consiglio comunale per le sue intemperanze da ultras calcistico, o forse è la semplice ammissione dell’impotenza di un Pd privo di opportunità di fronte ad un’amministrazione ottimamente impegnata a migliorare la città e riparare ai disastri lasciati dalla giunta Pd.
Quel despota e maestoso dittatore del presidente del Consiglio è tanto cattivo da aver accolto un emendamento del Pd, in fase di commissione, volto a consentire la sostituzione del capogruppo nelle riunioni della conferenza dei capigruppo. A pensar male si fa peccato, ma a posteriori viene da domandarsi se quell’emendamento fosse così fortemente voluto dal Pd “ad personam” per consentire al vero capogruppo Gilardoni di partecipare alle riunioni al posto di Licata. Il capogruppo formalmente espresso dal Pd finora è risultato assente in tutte le riunioni della conferenza dei capigruppo dimostrando un totale disinteresse per la vita amministrativa, dimenticando di giustificare le assenze e inviandole con tono polemico dopo diversi solleciti. Licata ripetutamente dimostra di non conoscere o non voler rispettare il regolamento del consiglio comunale e viene a pontificare per una frase estrapolata da un più ampio contesto: sempre a giocare ad interpretare le parole a proprio uso e consumo. Licata potrebbe dedicare il suo prezioso tempo a studiare il regolamento del consiglio e meno tempo alle sterili polemiche da bar: si ricordi che il ruolo di capogruppo e consigliere impone serietà sempre, ma soprattutto in consiglio comunale dove troppo spesso si atteggia a tifoso da stadio”.

E dopo l’attacco entra nel vivo della questione: “Dire che la pagina 7 del Saronno Sette è a disposizione del presidente del consiglio comunale significa che il presidente si assume la responsabilità dei contenuti pubblicati in quello spazio; non vuol dire che è uno spazio usato arbitrariamente a favore di un partito o che il presidente si arroga il diritto di fare quello che vuole. Più semplicemente le comunicazioni istituzionali del consiglio comunale sono sotto la responsabilità del presidente del consiglio che, fino a prova contraria, rappresenta tutti indistintamente. Non si capisce dove Licata intraveda nel Saronno Sette un organo di partito. È forse stato concesso spazio a commenti trionfalistici della Lega? No. Sono forse stati pubblicate valutazioni di parte o più semplicemente si è fatto un servizio a favore dei saronnesi? La risposta è ovvia: informazione imparziale e inconfutabile esposta in modo chiaro ed immediato. Non posso che applaudire all’operato del Presidente del Consiglio, migliore senz’altro di chi lo ha preceduto”.

Sala replica anche ad Airoldi: “A proposito dell’emerito Presidente Airoldi che è intervenuto recentemente sulla presunta mancanza di terzietà di Raffaele Fagioli ed i suoi richiami alla Costituzione: da che pulpito viene la predica! Airoldi che, terzo e imparziale, ha sempre lasciato parlare i consiglieri del Pd senza vincoli di tempo e spesso stoppato le minoranze con metodi poco ortodossi. Airoldi che, terzo e imparziale, è sempre stato sbilanciato a favore del sindaco e della giunta censurando gli interventi dei consiglieri leghisti negandone i diritti sanciti dalla costituzione, dalle leggi e dai regolamenti.
Airoldi che, terzo e imparziale, non è mai stato in grado di programmare un calendario dei consigli comunali dovendosi rimettere ai capricci dei suoi compagni di viaggio.
Airoldi che, terzo e imparziale, non è stato in grado di modificare una virgola dello Statuto e del Regolamento di Consiglio ed ha preferito continuare nella tradizionale libera interpretazione ed utilizzo in deroga degli strumenti a disposizione.
Airoldi che, terzo e imparziale, nel discorso di insediamento ha promesso cose che non ha saputo mantenere se non parzialmente”.

23112018

16 Commenti

  1. Sala ha ragione! Però anche sbaglia: Airoldi ha parlato per quinto, non continuiamo a far sembrare che non sappiamo comtare! Raffaele Fagioli ha parlato dopo Banfi, Casali e Indelicato, dunque per quarto e quindi Airoldi sbagliava parlando di terzietà: semmai quartità. Segretario Sala fai notare questo e non farti prendere in giro da Airoldi.
    Bravo!

    • Terzietà = Imparzialità
      Quartità = termine inventato frutto di una carente conoscenza della lingua italiana, unica che permette di esporre concetti basilari per farsi capire da tutti.

        • Non sempre le battute ritenute ironiche hanno la stessa finalità. Spesso si utilizza l’ironia per dissimulare e affermare il contrario di ciò che si pensa col fine di ridicolizzare concetti seri espressi da altri.

  2. Dopo aver letto questa nota sono certo che il difetto principale della “ lega per l’indipendenza….”
    sia l’uso sistematico di mezze o forse addirittura decimi di verità che si vuole far apparire come” la verità”…
    1- l’espulsione dal consiglio comunale per le sue intemperanze da ultras calcistico

    Durante la gestione PD,PSI,[email protected],IDV e indipendenti non ricordo esponenti della “lega” allontanati ma ricordo intemperanze e interventi di, diciamo, cattivo gusto.
    Non ricordo che il signor Fagioli Elio sia mai stato allontanato anche se è sempre intervenuto con le sue esternazioni, pur non essendo consentito dal regolamento.
    2- …ma soprattutto in consiglio comunale dove troppo spesso si atteggia a tifoso da stadio”.

    Qui devo complimentarmi per gli interventi della “lega” che sono un esempio di “sobrietà e correttezza” anche se forse è così perché di solito intervengo tre o quattro persone

    3- “Dire che la pagina 7 del Saronno Sette è a disposizione del presidente del consiglio comunale significa che il presidente si assume la responsabilità dei contenuti pubblicati in quello spazio;

    bene fa piacere saperlo perché così si sa chi è il responsabile delle volute omissioni e e dei dati parziali.
    Ricordo che la “lega” non sapendo cosa scrivere su Saronno sette per molto tempo ha usato la vignetta della mucca, con molto “buon gusto”.

    4- ad un 25 Aprile il signor Fagioli Alessandro( con camicia scura…) ha portato la corona ai caduti e quella è stata l’ultima volta che ho visto la “lega” nel corteo e mi è toccato anche difenderli……
    Quindi forse a quei tempi di democrazia ce ne era forse troppa o forse sembra così perché adesso ce ne meno.

  3. Finalmente torno a leggere la Lega che risponde ai soliti del PD. Gli stessi del PD che sanno solo fare primarie!

  4. Quanto livore… Sarà che è stato toccato nel vivo? Altra occasione persa per stare zitto

  5. Sala come al solito e come uso ai leghisti (scuola salvini) non sapendo come difendere la loro censura portata a saronno sette incolpa gli altri per aver reclamato il giusto spazio su un foglio che deve essere per i cittadini e non per la propaganda del suo partito. Prendersela poi solo con licata dimostra la pochezza di argomenti di questo signore

  6. Il pd chi?
    La lega non deve perdere tempo con persone appartenenti ad una entità politica che è destinata a scomparire perciò poche parole e rimboccarsi le maniche per rendere Saronno un paese più vivibile!

  7. Il signore dell’articolo sembra avere perso completamente la calma. Pessima cosa per chi ricopre un incarico pubblico.

  8. A me comunque ne Fagioli nè Airoldi sembrano così vecchi… tutto questa tempesta in un bicchier d’acqua perchè si danno della terza età… m’ah!!
    Forza Sala che sei più giovane!!

  9. Una sequela di appigli che stridono e che manifestano il disagio dei leghisti nostrani, difensori dell’arroganza e della prepotenza. Per correttezza, nell’esternazione leghista, sono state omesse volutamente citazioni per tutti i comportamenti Istituzionali “stralunati” di esponenti leghisti che durante i Consigli Comunali hanno occupato spazi divulgativi fino a rendere le discussioni stucchevoli e senza senso.

Comments are closed.