SARONNO – “A breve realizzeremo dei controlli ad hoc perchè quella è una zona pedonale e le auto in sosta non ci devono essere”. Sono le parole del comandante della polizia locale Giuseppe Sala che avverte i furbetti della sosta che, approfittando della catena rotta, da qualche tempo posteggiano nel piazzale del Santuario.

L’area tra l’ingresso di Palazzo Insubria e l’edificio di culto dedicato alla Beata Vergine dei Miracoli è da sempre al centro di un braccio di ferro. L’area rappresenterebbe un serbatoio importante di posti auto per un quartiere dove oltre all’edificio di culto e ad attività commerciali ci sono anche diversi edifici scolastici. Non a caso molti saronnesi vorrebbero poter utilizzare il piazzale come parcheggio. Diversa la scelta effettuata dalle passate Amministrazioni che per rispetto al Santuario, che viene quotidianamente visitato da turisti che arrivano da tutto il mondo, ha trasformato la zona in un’area pedonale. Ci sono i cartelli, una serie di panettoni per vietare l’accesso e persino una catena nel punto in cui sono autorizzati a passare i mezzi in occasioni di particolare cerimonie. In realtà la catena è stata rotta e la sosta selvaggia è all’ordine del giorno. Basta che qualcuno “sblocchi” la catena, chiusa con un fildiferro che in pochi minuti il piazzale viene occupato dalle macchine.

La polizia locale nei suoi servizi di monitoraggio del territorio hanno notato le ultime “conquiste” degli automobilisti tanto che presto saranno presi provvedimenti: “Realizzeremo dei controlli per sanzionare chi non rispetta l’area pedonale”.

(foto archivio: un momento in cui il parcheggio è occupato da auto)

7 Commenti

  1. tante cose dell’attuale amministrazione non mi piacciono, ma spero che la stessa dia pieno sostegno alla linea dura del comandante Sala; non possiamo tollerare che anche quel luogo di arte, bellezza e religiosità sia deturpato da auto in sosta; ma anche il viale del Santuario andrebbe vigilato, è uno sconcio totale: panchine rotte, rifiuti abbandonati, mezzi posteggiati fuori dagli stalli fino a ostruire i passaggini tra il vialetto ciclopedonale a il tratto per le auto;

  2. Basterebbe sbloccare quell’area ad angolo con la via Novara che ad oggi risulta inutilizzata ed è un “ottimo” biglietto da visita per la città.

  3. Santuario, che viene quotidianamente visitato da turisti che arrivano da tutto il mondo?!?!?! AHAHAHAHAHAHAHHAHAHHAHAHAH sì certo i turisti vengono tutti in Italia per vedere il santuario di saronno…. ma piantatela di scrivere ste vaccate!!!!!

    • Più di 30000 visitatori l’anno: non sono certo i numeri della cappella Sistina, ma non è poca cosa.

      • cioè ci sarebbero 100 stranieri che la visitano tutti i giorni?? aggiungo, come si contano i 30000 visitatori?? non mi pare ci sia un controllo e tantometo un biglietto di ingresso

  4. Salviamo il Santuario il centro storico ma di via Carlo Marx non gliene frega niente a nessuno
    e assicuro che alla Polizia Locale arrivano segnalazioni a manetta, ma purtroppo quella è zona
    ( di case popolari ) e quindi giudicata di terza classe dal nostro carissimo Comandante.

Comments are closed.