Home Città Fbc Banfi: “Rammarico per tifosi e giocatori ma… davvero sindaco non sapeva...

Fbc Banfi: “Rammarico per tifosi e giocatori ma… davvero sindaco non sapeva niente?”

737
9

SARONNO – “Per diversi motivi dispiace vedere cosa sta accadendo all’Fbc Saronno: al di là dei risultati sportivi, l’immagine della città, le persone che ci stanno mettendo la faccia, i giocatori, i ragazzi della scuola calcio e le famiglie, i tifosi, le strutture pubbliche”

Sono le parole del consigliere comunale indipendente Francesco Banfi che dopo il capogruppo Pd Francesco Licata e il consigliere Alfonso Indelicato interviene sulla crisi della società biancoceleste che domenica aveva solo 3 giocatori e quindi non ha disputato la partita contro la Besnatese in programma per il campionato di Promozione.

Non conosco appieno ciò che sta accadendo nella società e non posso quindi – nemmeno mi competerebbe – entrare nel merito. Tuttavia la società sportiva per i propri fini sta utilizzando strutture sportive di proprietà comunale oltre al nome della città che viene ora esposto ad una possibile vergogna: già questo basterebbe all’amministrazione Fagioli per interessarsi della vicenda. Se poi aggiungessimo che un’amministrazione comunale ha il dovere di tutelare i ragazzi della scuola calcio e le loro famiglie in nome del trinomio sempre utilizzato in campagna elettorale sport-minori-educazione… beh, mi chiedo in piazza Repubblica cosa stiano aspettando per intervenire.

Perchè diciamoci francamente che se mi suona strano, direi quasi inverosimile, leggere di un assessore Gianpietro Guaglianone resosi latitante, per dì più proprio sulla sua squadra preferita, mi suona incredibile leggere sulla stampa (il riferimento è ad un articolo di Prealpina pubblicato martedì 27 novembre ndr) che il sindaco Fagioli non sapesse nulla di quanto stesse accadendo: è forse l’unico in città. Figuriamoci se, a fronte anche solo dell’ultima situazione, l’assessore allo sport non ha avvisato il sindaco.

Penso che in questa occasione gli obiettivi di un’azione comunale dovrebbero tutelare due elementi: i minori e le strutture pubbliche”

E conclude: “Non entro in discorsi che vedrebbero sprecati i soldi per la ristrutturazione del comparto sportivo di via Biffi: se non manutenute anche le strutture pubbliche si deteriorano e lo spreco sarebbe evidentissimo. Che delle strutture richiedano manutenzione non è novità, è invece bene avere colto l’opportunità del bando regionale, mi sembra finanziato con fondi europei, per la ristrutturazione: il mio voto c’era e ancora ci sarebbe. Discorso differente sulle destinazioni e sul progetto, ma non è tema.
Visto il momento di difficoltà soprattutto di domenica scorsa, sento doveroso esprimere ammirazione per i giovanissimi giocatori, per i dirigenti e accompagnatori che ci hanno messo la faccia, per i tifosi: è questo il vero Saronno calcio, al di là delle questioni di società”. 

(foto archivio)

28112018

9 Commenti

  1. Caro BANFI le dico solo una cosa…: “Un bel silenzio non fu mai scritto”.

  2. Comunque qualcuno mi dovrebbe spiegare perché un sindaco dovrebbe interessarsi ed esporsi per risolvere i problemi dell’FBC SARONNO… Come tutte le società sportive hanno un proprio consiglio, un proprietario e con i vari comuni hanno un contratto per usufruire delle strutture sportive se di appartenenza a quest’ultimi.
    Anche se si parla di calcio e non di altri sport, un sindaco DEVE astenersi da ogni intromissione riguardo le gestioni delle società.
    Anche nella scorsa legislatura il sindaco e l’assessora allo Sport non hanno fatto NIENTE per lo sport saronnese ma , essendo del PD, tutto andava bene tranne il fatto che le società ad esempio chiedevano di attrezzare le palestre comunali di defibrillatori (perché lo richiedeva una legge regionale) ma la risposta era che “NON C’ERANO SOLDI”. E le società non calcistiche dovevano continuare ad arrangiarsi autofinanziandosi per far quadrare i bilanci (perché lo esige il CONI e L’AGENZIA DELLE ENTRATE) ricevendo porte in faccia da chi usava anche lo sport come propaganda elettorale.

  3. Ma ci sono questi contratti tra comune e società sportive? Basta vedere cosa dicono per scoprire cosa può o meno fare un sindaco: il comune mostri gli accordi.

  4. L’FBC nonostante la palese inaffidabilità economica, gestionale ed organizzativa (la collezione di figuracce regalate al nome di Saronno lo dimostra) si ritrova a disporre in concessione diverse strutture pubbliche. Nessuno fa chiarezza sui parametri considerati dal comune per l’assegnazione delle strutture e le opposizioni si disinteressano del tema. Il barbuto assessore allo sport tace sulla questione e continua il suo “nullafare” in tema di politica concreta dello sport in città..

  5. Lo scrivo una volta e per tutti,NESSUNA ASSOCIAZIONE HA CONVENZIONI,non sono più state rinnovate da tre anni a questa parte,un po perchè molte strutture non sono a norma un po perchè le richieste del Sindaco era inammissibili.

    • Caro Totò, dunque chi chiede di tutelare le strutture comunali ha ragione e il sindaco può fare moltissimo! Perché non lo fa è un mistero.

    • Quindi? Perché l’FBC ha ricevuto in gestione il Prealpi (ad esempio), e sulla base di quali PARAMETRI?

  6. un sindaco dovrebbe avere ben altro da fare che preoccuparsi della squadra di calcio!!!

Comments are closed.