SARONNO – Annunciata già domenica, è puntualmente arrivata: il giudice sportivo del campionato di Promozione Rinaldo Meles – con Edoardo Piazza in rappresentanza dell’Associazione arbitri; Enzo Di Martino e Giordano Merati – ha deliberato oggi pomeriggio la sconfitta a tavolino, 3-0, a carico del Fbc Saronno che domenica scorsa si era presentato a Besnate con solo tre giocatori. Nel dispositivo della giustizia sportiva si legge che “la società Saronno si è presentata per la disputa della gara a margine con solo tre calciatori. Pertanto l’arbitro non poteva dare inizio alla gara ai sensi della regola 3 del regolamento del giuoco del calcio. Non essendo pervenuta da parte della società stessa idonea documentazione comprovante la presenza di cause di forza maggiore, per il mancato arrivo dei restanti calciatori ne delibera la sconfitta per 3-0″. Ultimo atto di un episodio che ha sollevata le contestazioni dei tifosi verso la società, ed anche molti interventi politici.

Non sono stati presi altri provvedimenti, non ci sono sanzioni pecuniarie, ma il Saronno rischia perchè se durante il campionato per altre tre volte non dovesse presentarsi in campo con un numero di giocatori sufficiente all’incontro (il minimo è 7) verrebbe estromesso dal torneo. Anche se pare che domenica Saronno-Vergiatese si tenga regolarmente. All’origine della crisi del Saronno i dissidi fra il presidente Antonio Pilato ed il suo vice Antonio Surace che ha infine lasciato il club, al pari di molti dei giocatori.

29112018

1 commento

  1. Ma Angelo Monti ha seguito Surace ? Visto che lo seguiva dappertutto! Non sarà mica ancora con Pilato dopo averlo denigrato in intervista ? Sarebbe incomprensibile..

    Certamente sarà andato ..

Comments are closed.