SARONNO – Paolo Bocedi con la sua associazione Sos Italia libera si costituirà parte civile contro il 22enne arrestato dai carabinieri per la violenza sessuale dello scorso 23 settembre alla stazione di “Saronno sud”.

E’ proprio il saronnese Bocedi che annuncia questa iniziativa: “Sos Italia libera, associazione anti-racket e contro il crimine, chiederà di essere parte civile al processo contro i responsabile degli abusi sessuali alla povera ragazzina, sola ed indifesa nella stazione di Saronno Sud”. Da parte di Bocedi un commento molto duro, rivolto al giovane che è finito in manette al termine delle indagini dei carabinieri della Compagnia saronnese: “Sei solo un piccolo uomo che ha usato violenza su quella ragazzina di soli 16 anni distruggendo i suoi sogni e il suo futuro per sentirti grande. Chiederemo che non siano concessi sconti di pena e neppure patteggiamenti, ma che giunga una pena esemplare!”

(foto: il presidente dell’associazione Sos Italia libera, Paolo Bocedi)

04122018

1 commento

  1. Boh, la vedo dura dimostrare la costrizione quando dal filmato diffuso sembra che la inviti ad entrare nel locale, forse le minaccie saranno state solo verbali e la ragazzina si è intimorita da una mano nella tasca posteriore dei pantaloni dove in realtà non c’era nulla. Certamente per incriminarlo il pubblico ministero avrà altre prove e testimonianze schiaccianti (spero).

Comments are closed.