SARONNO – Chiesa prepositurale di San Pietro e Paolo strapiena ieri pomeriggio per l‘addio a Teodoro Ferrara, cavaliere del lavoro e volto notissimo a Saronno: con i suoi fratelli aveva fondato la prima pizzeria di Saronno, “La grotta azzurra” che poi era diventata il celebre “Maiori” di piazza Borella. A celebrare il rito don Angelo Ceriani della comunità pastorale del “Crocifisso risorto” di Saronno con fratel Aleandro Paritanti dei Concezionisti. L’omelia a cura di don Angelo, che ha parlato della religiosità di Teodoro, e di quanto fosse apprezzato ed amato, “tanti lo conoscevano e gli volevano bene, come dimostra la presenza di un gran numero di persone oggi”.

Al termine delle esequie la lettura di una lettera da parte di una nipote, che ha detto di immaginarlo in prima fila, “come in prima fila è stato nella vita”. Una vita, ha ricordato la nipote “nella quale la famiglia ha sempre avuto un ruolo centrale, genitore e zio esemplare, che si è sempre interessato di tutti”. E poi le sue battute di spirito, la sua passione per la musica, ed anche per il Natale. Tanti i conoscenti ed amici presenti, fra gli altri c’erano anche il consigliere comunale Francesco Banfi e l’ex assessore Fabio Mitrano. Tante, anche sul web, le testimonianze di cordoglio per la sua scomparsa.

19122018