SARONNO – Nel 2019 l’Amministrazione comunale venderà il terreno comunale in cui si trovano le ultime 4 piazzole del campo nomadi di via Deledda quelle più vicino al torrente Lura.

La conferma arriva nel documento unico di programmazione per il prossimo triennio, approvato nell’ultima seduta del consiglio comunale. L‘introito che il comune si attende è di 100 mila euro ma l’aspetto cruciale è proprio la conferma dell’intenzione di vendere e della tempistica. Lo spostamento delle 4 piazzole, e in particolare in loro trasferimento nell’area tra via Grandi di Saronno e via Battisti di Gerenzano è stata al centro di una querelle che ha tenuto banco negli ultimi mesi in città.

La scelta del comune di spostare le famiglie residenti nelle piazzole nell’area al confine con Gerenzano, in mezzo ad un quartiere residenziale con problemi di viabilità e sicurezza per la vicinanza con la linea ferroviaria, ha suscitato una fortissima presa di posizione dei saronnesi e dei vicini gerenzanesi. Raccolta firme con oltre 500 persone e un ricorso al Tar avevano di fatto fermato l’evolversi della situazione con il sindaco Alessandro Fagioli che aveva sospeso il trasferimento delle piazzole malgrado questo fosse necessario non solo per la vendita ma anche la riqualificazione dell’area intorno al torrente Lura per completare con il ponte la ciclabile realizzata negli ultimi mesi.

Non ci sono stati altri sviluppi tanto che ad ottobre il primo cittadino Alessandro Fagioli si era limitato a rimarcare una generica l’intenzione a trovare un alloggio per le famiglie che vivono nelle piazzole “che sono saronnesi a tutti gli effetti visto la lunga permanenza in città”. Ora però la svolta: la vendita del terreno è programmata del 2019 e quindi i tempi per risolvere la questione dello sdoppiamento del campo nomadi si stringono.

(foto d’archivio)

04012019

6 Commenti

  1. Ma il Fagioli ha fermato tutto? Il Banfi ha più volte detto di non avere visto documenti che confermassero lo stop: vuoi vedere che Il Fagioli zitto zitto prosegue?

  2. E’ solo un giovamento di facciata che serve politicamente per la prossima campagna elettorale dei leghisti che nel loro mutismo raccapricciante seminano nella città valori umani degenerativi del vivere civile.

  3. Nulla di inatteso!
    Ma spiace iniziare il 2019 parlando ancora di come l’ipocrisia di questa “amministrazione ” si trasformi in mancanza di rispetto a Saronno.
    Area feste spesi molti soldi dei saronnesi per prendere dei terreni, forse facendo anche un favore ai proprietari
    ponticelli e pista ciclabile sul sedime della vecchia ferrovia aspettiamo il TAR e così ” noi eravamo pronti ma.…”
    ex Cantoni siamo prossimi ad una nuova visita dei re” non più solo mogi ma anche molto arrabbiati”
    sdoppiamento del campo dei “saronnesi che preferiscono vivere a contatto con la natura e non in una casa convenzionale” ricorso al TAR del comitato di via Grandi e atteggiamento spezzante del signor Fagioli
    fioriera semovente fiore all’occhiello di questa ” amministrazione” temporaneamente assente anche lei come altri

    alla prossima puntata

    4I

  4. le ville dei signori di via Grandi e Via Battisti possono dormire sonni tranquilli…..quello che non potranno presto fare gli inquilini negli appartamenti comunali che presto avranno come vicini di casa i nomadi.

  5. I signori di Via Grandi e via Battisti possono dormire sonni tranquilli….quello che invece non potranno più fare gli inquilini delle case comunali che presto avranno come vicini di casa di nomadi .

Comments are closed.