SARONNO – Si ferisce con un maxi coltello e poi si barrica in casa minacciato i carabinieri che cercano di soccorrerlo: provvidenziale per risolvere l’emergenza che si è verificata oggi pomeriggio alle 13,30 in via Emanuella l’abilità di un militare del Nucleo Radiomobile che prima al telefono e poi dal pianerottolo ha convinto il ragazzo a lasciare i coltelli che aveva con sè e ad uscire dall’appartamento.

Tutto è iniziato poco prima delle 13,30 quando la fidanzata ha ricevuto sul cellulare la foto del giovane con una vistosa ferita autoinferta al braccio. Ha subito contatto i militari della compagnia di Saronno che sono arrivati sul posto in forze. A raggiungere i carabinieri, guidati dal capitano Pietro Laghezza, la squadra del vigili del fuoco del distaccamento di Saronno ed un’ambulanza del Sos di Uboldo.

Il ragazzo si è barricato nel suo appartamento al primo piano di una palazzina in una zona defilata vicino all’ex Saronno-Seregno. L’unica altra inquilina presente ha lasciato scopo precauzionale l’appartamento. I vigili del fuoco hanno provveduto a mettere in sicurezza la zona togliendo luce e gas all’appartamento mentre i carabinieri, che al momento del loro arrivo sono stati minacciati dalla finestra dal giovane, hanno iniziato le trattative. Malgrado si trovasse in uno stato confusionale il militare del Nucleo Radiomobile è riuscito a placare il giovane e a convincerlo ad uscire dall’appartamento. Nell’abitazione, precisamente vicino alla finestra i carabinieri hanno trovato tre maxi coltelli che sono stati posti sotto sequestro. Il ragazzo è stato accompagnato in caserma per cercare di chiarire con precisione l’accaduto e vagliare la sua posizione. L’emergenza si è conclusa intorno alle 15.