LAZZATE – Si apre con un pareggio il 2019 dell’Ardor Lazzate.  La squadra di Chiodini ha infatti strappato un punto prezioso in casa contro l’Union Villa Cassano grazie a una bella rimonta. Gli ospiti vanno infatti in vantaggio al 20’ con Marcinno, che sfrutta un’errore in uscita di Bernello raccogliendo il pallone al limite dell’area e calciando di prima verso la porta, lasciando Mauri di sasso. Cinque minuti piu tardi i gialloblu vanno vicini al gol con Crotti, che sugli sviluppi di un calcio d’angolo fa partire il sinistro sfiorando l’incrocio dei pali. Nell’azione seguente peró l’Union Villa Cassano colpisce ancora, stavolta con Andriuoli, che spara un diagonale e fa 2-0. L’Ardor sembra subire il colpo e continua a soffrire e fare fatica per tutto il resto del primo tempo e buona parte del secondo. Al 82’ peró capitan Sala viene steso in area e Gambino trasforma il rigore del 2-1 che riapre la partita e ridá fiducia ai ragazzi di Chiodini. Il muro ospite crolla praticamente a tempo scaduto: al 95’ infatti viene dispetatamente buttato il pallone in area, il portiere Mauri si trasforma in centravanti e spizza verso la porta dove compare l’eterno capitan Sala che con una spettacolare rovesciata trafigge Rota e permette ai suoi di acciuffare un ormai insperato pareggio. Settimana prossima scontro salvezza contro la Castanese. 

Ardor Lazzate – Union Villa Cassano: 2-2
Ardor Lazzate: Mauri, Cristiano, Crotti (25st Villa) a , Ferrari, Bernello, Sala, Brugnera, Buccini, Gambino, Velocci (10st Marchini), Ferrario (16st Bollini). A disposizione: Bardaro, D’Astoli, Chiarello, Martini, Martino, Frontini. All. Chiodini
Union Villa Cassano: Rota, La Marca, Guarda, Pacifico, Augliera, Pisoni, Paroni (35st Rigoni), Scaccabarozzi (41st Shala), Andriuoli, Buzzi (25st Anelli), Marcinno. A disposizione: Seitaj, Lora, Bellitto, Lagotana, Pecchia. All. Antonelli
Marcatori: 20pt Marcinno (U), 26pt Andriuoli (U), 37st Gambino (A), 49st Sala (A)
Arbitro: Gambuzzi di Reggio Emilia, assistenti Cappelletti di Lodi e Vora di Como

1 commento

Comments are closed.