LIMBIATE – Le 78 multe comminate nel 2017 per l’abbandono di rifiuti sul territorio comunale sono diventate 128 nel 2018, con un raddoppio (o quasi) del valore complessivo dell’entrata nelle casse comunali in questa voce a bilancio.

E’ indubbio che l’amministrazione comunale già lo scorso anno abbia avviato un’importante attività di indagine sui rifiuti abbandonati per risalire ai responsabili di questi incivili gesti, aumentando anche gli importi delle contravvenzioni (200 euro a carico dei privati e 500 euro delle aziende).

La cattiva abitudine all’abbandono dei rifiuti nelle aree più isolate (come in via Giotto, in via Gorki o nella zona di Greenland) viene combattuta grazie alle telecamere di sorveglianza, che hanno aiutato la Polizia locale a risalire ai responsabili. Fondamentale però è anche l’apporto dei vigili ecologici di Gelsia, che hanno il compito di controllare il corretto conferimento dei rifiuti domestici esposti fuori dalle abitazioni e, in particolare, che da qualche mese stanno svolgendo un’azione di verifica dei sacchetti domestici abbandonati nei cestini dell’immondizia che si trovano sul territorio. “Da quando abbiamo introdotto il sacco blu all’inizio di novembre – spiega il sindaco Antonio Romeo – abbiamo registrato un aumento considerevole di cestini strapieni e di abbandono di sacchetti ai piedi degli stessi. Si tratta di una cattiva ed incivile abitudine che abbiamo il dovere di contrastare ed è per questo che abbiamo chiesto agli operatori di Gelsia di aprire i sacchetti per ricercare indizi che permettono di risalire ai responsabili degli abbandoni: in parecchie occasioni siamo riusciti nell’impresa e abbiamo proceduto all’identificazione e alla sanzione”.

Il 2019 è già iniziato sulla stessa linea dell’anno concluso e sono, per questo motivo, già stati rinnovati gli incarichi ai vigili ecologici di Gelsia Ambiente.

14012019

(nella foto: rifiuti in via Giotto)

1 commento

  1. Sarebbe ora di farlo anche a Saronno !!!! L’abbandono dei rifiuti per le strade , nelle aiuole e nei cestini lungo le vie del centro si è moltiplicato negli ultimi tempi. Troppa fatica fare la differenziata e quindi , oplà che si abbandona il sacchetto e , se per caso cerchi di spiegare civilmente al cittadino ” sporcaccione ” che la raccolta differenziata è OBBLIGATORIA e che abbandonare i rifuti è un’azione da incivile , questi ti insultano !Non è togliendo i cestini che si risolve il problema ma cercando e multando i trasgressori .

Comments are closed.