RESCALDINA / UBOLDO – Dopo i rilievi compiuti dai Ris, il reparto scientifico dei carabinieri, si stanno sviluppando con il massimo riserbo le indagini sull’omicidio avvenuto nella campagna fra Rescaldina ed Uboldo. A notare la salma, quella di un senegalese, martedì a mezzogiorno sono stati alcuni passanti: si trovava ad un centinaio di metri della strada più vicina.

L’uomo è stato ucciso con un colpo di pistola all’addome e sarebbe anche stato colpito alla testa con un oggetto: 54 anni, abitante a Borgomanero nel Novarese, lo straniero risultava disoccupato e gli era scaduto il permesso di soggiorno; era già noto alle forze dell’ordine per piccole questioni di droga. Si pensa che l’omicidio fosse stato commesso la notte precedente, forse direttamente nei pressi di dove è stato trovato o proprio in quel posto, in una zona dove sono frequenti gli interventi dei carabinieri perchè frequentata da spacciatori di droga e dai loro acquirenti, che spesso arrivano anche da fuori regione.

17012019