SARONNO – Fbc Saronno, sciopero del tifo sino al cambio di dirigenza: lo ha deciso la principale organizzazione dei sostenitori locali, il Fronte ribelle e ieri pomeriggio allo stadio “Colombo Gianetti”, nella zona della tribuna dove si collocano abitualmente gli ultras, è comparso anche uno striscione, “Il Fbc Saronno siamo noi”.

In un comunicato il Fronte ribelle spiega i motivi di una iniziativa a Saronno del tutto inedita e clamorosa: “Abbiamo aspettato molto, forse troppo, per maturare questa per noi dolorosa scelta. Abbiamo voluto dare l’ennesima possibilità a tutto l’ambiente societario di cambiare rotta facendo un passo indietro e concedere molto più tempo dei dieci giorni che ci erano stati chiesti per risollevare la situazione, memori sempre e comunque che senza questa dirigenza forse non avremmo rivissuto questi quattro anni. Ma adesso basta! Ci resta una squadra che, nonostante si batta con valore, ha come unico e dichiarato obiettivo il penultimo posto per evitare forse la retrocessione diretta. A partire quindi da questa domenica, in occasione della trasferta di Guanzate, il Fronte ribelle si asterrà per tutta la stagione da ogni forma di tifo organizzato. Questo non vorrà dire che interromperemo anche la nostra presenza al seguito del Fbc. Abbiamo valutato anche questa opzione, ma l’abbiamo reputata una scelta di comodo. Resteremo al nostro posto sui gradoni, in aperta contestazione e vigilando costantemente sull’operato di questa dirigenza che ci sta affossando anno dopo anno, perché il nostro posto da sempre è là dove gioca il Saronno, anche nei periodi più bui”.

Prosegue il Fronte: “Per questo motivo non esporremo più i nostri vessilli ma ci raduneremo in silenzio, o sostenendo solo noi stessi, dietro un unico striscione che ricorda che “L’Fbc siamo noi!” Per anni abbiamo detto che il cuore dell’Fbc non è rappresentato dai presidenti o dai giocatori che passano velocemente, ma dai suoi tifosi che restano per sempre. Ora come non mai è giunto il momento di ribadire questo concetto. Ci dispiace per i nostri valorosi ragazzi che, seppur con i loro limiti, in campo continuano a crederci mettendoci il cuore. Abbiamo già spiegato loro di persona le motivazioni di tale scelta. Chiediamo loro di non mollare! Ma fino a quando l’Fbc non passerà in altre mani non abbiamo alternativa, per il bene del nostro Saronno, per l’onore del nostro gruppo”. Domenica scorsa il Fbc Saronno del presidente Antonio Pilato aveva pareggiato con la Lentatese: i biancocelesti sono all’ultimo posto nella classifica di Promozione.

19012019

19 Commenti

    • Pensate che ricostruire una squadra di 21 giocatori in te giorni è giusto frutto del caso?

  1. Ridicolo e che il sig.Pilato non molli ad altre cordate competenti di calcio .
    E ce ne sono tanti che vorrebbero il Saronno
    Per portarlo in alto
    Ma è meglio affondare ……..

  2. Se questa dirigenza non ha i mezzi per fare calcio a Saronno nemmeno in promozione si faccia da parte .

  3. Questa notizia proprio non ci voleva. Un grave colpo per l’intera comunità saronnese. Ma veramente questa gente crede che qualcuno nel mondo possa essere interessato a questo genere di comunicati? Comiche.

      • Ormai, società e tifo organizzato, siete diventati un disco rotto. Più che comici, patetici.

  4. sempre grandi gente del fronte!!! ma è ora dei fatti non delle parole! e voi sapete cosa intendo!

    • Forza Fbc e forza ragazzi sente più bravi di tutti gli gli iettatori che dicono forza Saronno ma tifano contro

Comments are closed.