SARONNO – Riceviamo e pubblichiamo integralmente la nota del presidente del Duc, distretto urbano del commercio, Luca Amadio in merito alla risposta dell’Amministrazione comunale alle domande di Alberto Paleardi su Sluminacchio.

Ho letto con grande interesse il Vostro articolo. L’ho trovato interessante e ben scritto ma soprattutto utile poiché apre, in modo costruttivo, il dialogo su argomenti relativi alle molte iniziative che si tengono nella nostra bella città.

Ringrazio, pertanto, sentitamente Alberto Paleardi che ha preso l’iniziativa. Concordo con il fatto che l’operato dei commercianti Saronnesi è stato davvero importante e che ha contribuito a regalarci un Natale di festa vera e “luminoso”.

Ho appreso con rammarico, peraltro, della informativa che pare essere stata trasmessa dal Comune con riguardo all’albero. A tale proposito sarà sicuramente necessario un approfondimento per verificare l’origine di quello che pare essere un “malinteso” che si trascina da tempo. Non sta a noi sicuramente entrare nel merito di quella che sembra una polemica relativa alla sua realizzazione; ringrazio Alberto Paleardi per averci informato e per averci quindi dato l’opportunità per chiarire, a scanso di ulteriori equivoci, che il Duc non ha partecipato in alcun modo a tale parte dell’ambizioso progetto natalizio.

La documentazione in possesso dell’associazione certifica il suo coinvolgimento su altri “fronti”: le luminarie, realizzate grazie esclusivamente al contributo di molte Attività Commerciali saronnesi, e il trenino di Natale che anche quest’anno abbiamo potuto vedere percorrere le strade della nostra città grazie alle sponsorizzazioni di Bmw Sarma e Renault Centro Car Cazzaro, che ringraziamo ancora. Tutto ciò è provato e risaputo.

Nessun fondo è stato però raccolto, ovvero destinato a quello che, simpaticamente, ho visto ribattezzare come “sluminacchio”.

Non riesco a comprendere il motivo di presa di posizione in tal senso da parte del Comune e non posso che ricondurre un’eventuale dichiarazione ad un banale errore commesso da un ufficio non adeguatamente informato.

Condivido, peraltro l’opinione espressa da Alberto Paleardi e mi addolorerebbe scoprire che si è preferito addossare la responsabilità ad un associazione della quale lo stesso Comune è socio fondatore, venendo meno, in tal caso, all’onestà ideologica a discapito del presidente, dei collaboratori e degli associati che hanno cercato nella loro semplicità di rendere il Duc una realtà viva e presente sul territorio cittadino.

Gli associati del Duc ed i loro sponsor, senza costare in contributi economici al Comune, hanno compiuto un’opera importante degna del migliore spirito natalizio, e si sono messi pienamente al servizio della comunità della quale sono veri e propri pilastri fondanti con il loro impegno giornaliero.

In qualità di presidente del Duc, carica che mi onora, desidero, pertanto, ringraziarli tutti per l’atmosfera di festa che hanno contribuito a creare.

Prendo comunque atto di quanto comunicato dal Alberto Paleardi e attendo di prendere visione di eventuale documenti ufficiali così da potere verificare dove stia l’errore. Sarà mia premura attivarmi in tal senso e mantenervi informati trasmettendo i chiarimenti che saranno necessari. Il tutto a tutela del distretto, dei propri collaboratori, dei propri associati e in nome della verità che Saronno, a volte, sembra aver abbandonato…

24 Commenti

  1. Ah, allora hai confermato che il ritardo nell’installazione delle luminarie è opera vostra! E anche il trenino di natale arrivato a capodanno! A noi dei vostri teatrini non interessa, natale è passato da un pezzo!

    • Però con l’albero di Natale non ne avete a che fare. Forza Italia, il DUC e i commercianti non centrano nulla! Fatene la prova, se l’avete, almeno salvate le apparenze. Di fatto al momento sono solo parole, da quelle del sindaco, alle vostre, fino a quelle di Paleardi. SAC tace in un silenzio tombale: sia mai che la “colpa” sia davvero la loro?

  2. “e in nome della verità…”, appunto, ci dica quanto percepisce il consulente del duc!

  3. Pubblichiamo i documenti! Così anche solo per trasparenza e informativa dovuta ai cittadini. ….non vorrei mai che sluminacchio alla fin fine sia figlio “strano” di SAC ?
    Sempre più curioso di sapere di chi è figlio senza arrivare a chiedere un esame probatorio del DNA!?

  4. Il commissario Banfi sta indagando: tra poco estenderà la verità sulla paternità di sluminacchio

  5. Non saprei se proporre il caso dell’albero di natale più brutto dell’Italia a 4grado, a chi l’ha visto o a forum: chi è il padre del brutto alberello? Proprio nessuno lo vuole riconoscere? Scommettiamo che… fosse stato bello ci sarebbe stata la fila e liti inusitate per attribuirsene la paternità.
    In attesa di poter vedere documenti ufficiali i Saronnese sono tutti in apprensione.
    Saluti

  6. Caro Amadio, pubblichi i documenti di cui è in possesso, così mettiamo fine a questa soap opera.
    Grazie

  7. A-modo-mio grazie, come faremmo senza il paladino della verità dell’albero di natale…le persone non arrivano a fine mese, i NEGOZI CHIUDONO e tu pensi all albero! Natale è finito da 1 mese!! Pensiamo alle cose serie. COSA HAI FATTO PER IL COMMERCIO?

  8. Mostrarli anche ai cittadini questi documenti, così ognuno potrà farsene personale una ragione su chi dice la verità, se Fagioli, se Strano, se Paleardi, se Amodio, se Silighini.
    Grazie

  9. Come direbbe un (poco) autorevole esponente del primo partito al governo: non ho le prove ma l’Albero è dell’amministrazione (fonte di Giunta). Basta con questo ridicolo rimpallo: hanno fatto una cappellata se ne assumano la responsabilità ed evitiamo ulteriori ridicoli balletti (che oltretutto danno inutile visibilità a personaggi altrimenti invisibili).

    • Ma no, Amasio è un vip saronnese, non hai visto quante foto si è scattato con la scusa di essere presidente del duc? Ma lui non cerca visibilità, amasaronno e fa tutto per il bene dei commercianti ahahahahaha

  10. siamo a Febbraio….. se qualcosa non ha funzionato…. aggiustare la mira… per il prossimo periodo Natalizio che è fra 10 mesi…. forse rendere attrattivo il centro con una pista pattinaggio… io non ci andrei per vedere un albero e basta…magari affiancare qualche evento tipo casette o baite come a Como…. dove vendono di tutto.. insomma tempo ce ne è.. la programmazione è appunto porre un obiettivo e fare piccoli passi verso il traguardo..

  11. In nome della verità ci può dire quanto costa e a cosa serve il consulente del duc?!!!

  12. Lo spettacolo continua, chi avrà ragione? L’Amadio che si fa portavoce della verità come il più alto degli ideali (ci può dire, in nome della verità con che criterio si sono affidate le luminarie? quanto sono costate?), l’amministrazione che dai documenti rilasciati al Paleardi sembrerebbe non centrare nulla, o forse il vero autore dell’installazione (strano ma vero) potrebbe essere niente di meno che babbo natale? Le risposte nella prossima puntata di casa fagiol

Comments are closed.