SARONNO – Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di Alfonso Indelicato, consigliere comunale indipendente dal titolo “Avere torto anche quando si ha ragione: l’amministrazione tra timore e iattura”

Premesso che, come ho già dichiarato in un precedente comunicato, sono d’accordo con l’eliminazione dei bagolari collocati in via Roma ove questi producono danni alle proprietà private e altrettanti danni ai marciapiedi e alle reti sotterranee delle varie utenze, osservo che in questo come in tanti altri casi l’Amministrazione sta realizzando la notevole impresa di avere torto anche quando ha ragione.

La cortina fumogena che si innalza sopra via Roma è fitta e impenetrabile, ed alimenta le curiosità che succintamente elenco di seguito.

Perché una parte della strada (quella più lontana dal centro) non presenta problemi visibili e l’altra invece ha i marciapiedi dissestati? Non credo che si tratti di un caso. Dunque perché questa differenza? Forse nella porzione periferica sono stati utilizzati degli accorgimenti tecnici particolari? Si parla in proposito di sopraelevazione dei marciapiedi: questo accorgimento si può utilizzare anche nella parte dissestata della via? Ed è tale da proteggere fognature, cantine, fondamenta e quant’altro manufatto è presente nel sottosuolo? Se la risposta è sì, perché non si procede in tal senso? Forse (motivazione di cui il buon padre di famiglia deve tenere conto) per i costi? Ditecelo.
Inoltre: è in grado l’amministrazione di precisare quanti sono gli alberi che saranno rimossi e per quale motivo lo saranno? Di dire quanti e quali sono gli alberi ammalorati, quanti e quali i sani? Avete se non sbaglio un agronomo in qualità di collaboratore, e pure Legambiente che (cercandovi i guai da soli) avete contattato fin dalla fase progettuale: certamente potranno aiutarvi.
Io credo che un’amministrazione possa far accettare ai cittadini molte cose se dice chiaramente cosa intende fare e perché. Quello che sconcerta sono le cose dette e non dette, e quelle che si scoprono per caso strada facendo, come conigli tirati fuori dal cilindro del prestigiatore. Dite quello che intendete fare, e a quel punto, se ne siete convinti, difendete le vostre ragioni di fronte a chi le contesta, fino in fondo. Un generale che avanza, poi si ferma, si guarda intorno, annusa l’aria, modifica in parte la rotta, chiama aiuto, riprende a muoversi in qualche modo, che fiducia può ispirare alle truppe, volevo dire: ai cittadini?

Si procede così fra timore e iattanza. Il timore è oggi chiaro ed evidente: i lavori sono fermi. E, nella stasi, maggiormente risalta lo squallore, quasi l’impudicizia, degli alberi segati. La iattanza è tutta nel comunicato scomposto e sopra le righe del vicesindaco Vanzulli pubblicato ieri.

E sì che l’esperienza politica la quale non manca dalle parti della Lega – i cui esponenti saltabeccano da svariati anni da un paese all’altro occupando cariche varie – dovrebbe insegnare che chi comanda deve essere un buon incassatore, e reagire con pacatezza, magari (se ne è capace) con un po’ di ironia. Che senso ha parlare di “maldicenza presuntuosa degli sciocchi”? Crede che sia una efficace forma di reazione alle critiche? Tutte le risorse impiegate per stipendiare gli spin doctor sortiscono di questi risultati?
Infine un cenno allo sbandierato progetto con il liceo scientifico. Mi si scusi la brutalità , ma si deve essere proprio alla frutta per far credere che un progetto didattico, per quanto ben fatto, possa avere un impatto importante in una questione come questa.
Siete dunque alla frutta. Pazienza. Prendetevi una lunga pausa post prandium. Domani è un altro giorno.

5 Commenti

  1. preparatevi ad intervenire in Via Piave, i marciapiedi verso Viale Lombardia sono in alcuni punti in siatuazione critica a causa delle piante.

  2. Capolinea!
    signor Indelicato a Saronno capita sempre che i cittadini che non condividono le scelte di “questi amministratori” sono:
    comunisti, ” asini che ragliano” , sono contro perché hanno rancori con la “lega della indipendenza…”, non capiscono…
    e parimenti ci si sente dire che sono stati votati e quindi bisogna lasciarli “lavorare”,
    io ho stranamente un altro concetto di come si deve lavorare per una citta, dove si deve essere “il sindaco di tutti” e non solo dei pochi che lo hanno votato, ho uno strano concetto del lavoro dove è importante pensare a quello che si deve fare e come farlo e poi condividere le scelte,
    quando si agisce senza far sapere nulla: ponticelli, via Roma, permuta e acquisto di terreni … e mi fermo qui allora viene il dubbio che ci sia qualcosa di poco chiaro .
    ….

    non ho mai visto tanta incompetenza e tanta ipocrisia.

    Adesso io non mi fido più delle dichiarazioni di facciata.
    Adesso basta “voglio” che si faccia il censimento di tutti gli alberi tagliati e come logico che venga detto dove e quando verranno piantumati quelli in sostituzione… e dove sono stati piantati già altri alberi; non mi riferisco solo a quelli di via Roma ma ad esempio a quelli sul viale del Santuario.

  3. Riporto qui quello che ho già sottolineato leggendo altri articoli su via Roma.

    A)cosa triste lamentarsi, direi insultando, i cittadini che mostrano perplessità su questa linea di intervento??
    B) “Che il marciapiede in alcuni punti sia devastato siamo tutti d’ accordo. Da quella via sono passato con mia madre che ha i suoi anni ed ha dovuto fare attenzione. Senza polemica con nessuno ho notato questo.
    L’ 80% di quella via ( verso la piscina ) ha marciapiedi bellissimi. Sono leggermente più alti, leggermente più larghi, sono pavimentati con beole, si cammina perfettamente, ci sono gli stessi alberi di grande fusto, la stessa ciclabile. Ripeto è tutto perfetto.
    Mi chiedo ma non è possibile riqualificare nello stesso modo il 20% che ha problemi? Anche perchè quel marciapiede sembra essere stato già all’ origine mal progettato/realizzato. Storto, un pò alto un pò basso a secondo dei punti, pure nei pezzi in cui non ci sono piante. – in sintesi è fatto male –

Comments are closed.