Home Città Legambiente scrive al Comune: “Sospendi i tagli dei bagolari e spiega ogni...

Legambiente scrive al Comune: “Sospendi i tagli dei bagolari e spiega ogni abbattimento”

467
11

SARONNO – Ieri mattina in Municipio Legambiente ha protocollato una lunga missiva per chiedere all’Amministrazione comunale che “vengano sospesi i tagli e che vi sia uno sforzo dell’Amministrazione per individuare un progetto che elimini, o perlomeno limiti l’abbattimento degli alberi ai casi strettamente necessari, che chiediamo siano adeguatamente motivati alla cittadinanza, albero per albero”.

Nella missiva gli ambientalisti sottolineano: “Prima di affermare che è inevitabile il taglio indiscriminato occorre che l’Amministrazione provveda a garantire che non esistono soluzioni progettuali diverse o migliori” e richiamano a quanto previsto dal Pgt, ai principi dello statuto comunale, alle precedenti riqualificazioni ma anche al testo delle delibere della Giunta del sindaco Alessandro Fagioli che parla della necessità “salvaguardare il patrimonio arboreo presente”.

Ecco il testo integrale

In merito al previsto abbattimento degli alberi di Via Roma desideriamo evidenziare alcuni aspetti per noi importanti.
Siamo consapevoli che l’intervento di riqualificazione dei marciapiedi della via sia una necessità, come lo sia il tutelare la mobilità ciclabile. Sappiamo anche che vi è la necessità – e chiediamo, su documentati casi di interferenze tra apparato radicale e muri di edifici prospicienti l’albero – di intervenire per evitare danni alle murature.

Tuttavia, non comprendiamo la logica che sottende al progetto adottato dall’Amministrazione, in considerazione del fatto che, visivamente, i primi alberi che sono stati abbattuti non rientravano tutti fra quelli che presentavano radici affioranti.
Tra l’altro, nella delibera di Giunta n. 137/2018 con cui è stato approvato il progetto esecutivo, è la stessa Amministrazione che indica come opportuno il procedere ad un intervento di riqualificazione di Via Roma “dando continuità all’intervento già realizzato” – che, ricordiamolo, ha previsto la conservazione degli alberi! – e “salvaguardando il patrimonio arboreo ivi presente”. Il progetto non pare in linea con queste premesse.
Il progetto non rispetta inoltre le indicazioni del PGT (tavola DdP07 e PdS06), che individuano i “principali viali alberati urbani” come parte del sistema ambientale ed ecologico comunale, al fine di tutelarli e valorizzarli, ritenendoli esclusivamente “meritevoli di interventi di riqualificazione/integrazione della dotazione arborea” (art. 14 del Piano dei Servizi). Quindi, la necessità motivata di abbattere un singolo albero può rientrare in una logica di riqualificazione del viale, eliminare il viale alberato contrasta invece con le finalità di tutela ambientale del PGT.
Abbiamo letto lo Statuto Comunale: ci piacerebbe che non rimanessero lettera morta i principi che contiene, ove ad esempio si afferma che il Comune “opera per conservare e valorizzare il patrimonio naturale, storico, artistico, culturale, …”. La Via Roma rappresenta l’unico viale alberato rimasto in Saronno che parte dal centro e va verso la periferia, con alberi di 60 anni, un corridoio ecologico est/ovest, uno dei pochissimi in Saronno, ed è innegabile il suo valore storico ed ecologico/ambientale.

Numerosi cittadini increduli e preoccupati ci hanno inviato le loro lamentele per quello che sta accadendo in Via Roma. L’Amministrazione non si è preoccupata di dare una adeguata informazione alla cittadinanza, come sarebbe stato necessario in un caso come questo dove non solo è in atto una trasformazione del territorio/ambiente locale ma anche è in gioco il diritto alla salute delle persone, soprattutto degli anziani e bambini.
Gli alberi infatti si comportano come “serbatoi” di carbonio contrastando così l’effetto serra. Gli alberi possono assorbire CO2 ad un tasso pari a circa 12 kg/albero/anno.
L’ombreggiamento procurato dagli alberi, a seconda della posizione, della specie, della misura e delle condizioni, può ridurre le spese per il consumo di energia per il condizionamento di edifici residenziali e commerciali. Gli alberi, grazie all’ombra e alla traspirazione delle foglie, generano un effetto di raffrescamento naturale e “a bassa tecnologia” che si traduce in una minore domanda di impianti per la produzione di energia.
Le città in estate sono spesso vere e proprie “isole di calore” che raggiungono temperature di 5-9 °C superiori rispetto alle aree periferiche. Le città con più alberi sono più fresche e vivibili.
Gli alberi situati in prossimità delle strade assorbono nove volte più inquinanti degli alberi lontani dalle stesse, convertendo i gas dannosi in ossigeno e in altri gas naturali benefici. Le emissioni dei gas di scarico delle autovetture sono tra i principale problemi di salute pubblica e contengono grossi quantitativi di inquinanti, compresi il monossido di carbonio (CO), i composti organici volatili(VOC), gli ossidi di azoto (NOx) e il particolato (PM).
Gli alberi creano luoghi piacevoli, favorendo la mobilità ecologica.
Siamo convinti che una progettazione, che tenga conto dell’albero come elemento di importanza centrale, possa essere la strategia vincente da perseguire. Del resto interventi di riqualificazione dei marciapiedi sono stati già eseguiti nel passato nel comune di Saronno (es. Corso Italia, Via Manzoni, Via Roma) e si è optato per la conservazione del maggior numero di alberi. Gli interventi ad oggi non presentano problemi di sorta.
Prima di affermare che è inevitabile il taglio indiscriminato occorre che l’Amministrazione provveda a garantire che non esistono soluzioni progettuali diverse o migliori.
Desiderare una città più verde, più vivibile e dove si respira meglio è un obiettivo da realizzare in primis per lasciare una città migliore di come l’abbiamo trovata, per i nostri figli e per le future generazioni. La tutela del verde urbano non ha colore politico!

Con la presente invitiamo quindi l’Amministrazione, facendoci voce di una numerosa parte della cittadinanza che attende di essere informata al riguardo, a ripensare ed adeguare il progetto di riqualificazione della Via Roma, ponendo al centro anche la tutela del maggior numero di alberi ed evitando l’abbattimento massivo dei filari.
Chiediamo quindi che vengano sospesi i tagli e che vi sia uno sforzo dell’Amministrazione per individuare un progetto che elimini, o perlomeno limiti l’abbattimento degli alberi ai casi strettamente necessari, che chiediamo siano adeguatamente motivati alla cittadinanza, albero per albero.
Evidenziamo che una petizione lanciata sul sito Change.org, finalizzata a chiedere di sospendere l’abbattimento e chiedere la revisione del progetto, ha raccolto in una settimana più di 1.400 firme, a dimostrazione che vi è una chiara consapevolezza dell’importante funzione che alberi di tale massa fogliare svolgono all’interno della città e che vi è un’esigenza reale, da parte dei cittadini saronnesi, di essere informati, in questa vicenda, sull’operato dell’Amministrazione.

30012019

11 Commenti

  1. E secondo il Comune Lega Ambiente darebbe “inutili consigli”… 😨
    Per noi cittadini e’ scontato riafferme che il progetto di riqualifica, che preserva la conservazione di quanti piu’ alberi possibili, e’ il piu’ gradito.

  2. esiste un capitolato ?
    se si, dovrebbe esistere un allegato con il disegno su cui vengono evidenziati gli alberi da tagliare.
    “Lega ambiente” lo ha visionato?
    E’ possibile metterlo a disposizione dei cittadini pubblicandolo sulla pagina del comune senza alcun commento?

  3. Confesso che è impressionante leggere in dettaglio la forza benefica degli alberi. I tagli sono possibili e a volte necessari, ma di ogni taglio in programma vanno spiegate le ragioni inoppugnabili.

  4. questa lega ambiente non permette di fare più nulla, vogliono comandare loro a Saronno?

    • Guarda che si può fare e molto senza mattanza di alberi… o ti piace una bella città fatta solo di asfalto, cemento e plastica?
      Hai presente che da un certo punto in poi via roma ha il marciapiede perfetto, gli alberi, la ciclabile ed i parcheggi.

  5. Basta! Avete rotto! Non si riesce a fare un lavoro utile alla comunità sempre per colpa di pochi dissidenti. Gli alberi verranno sostituiti, quindi il verde nella via rimarrà! Nella storia umana si è sempre ricorso al taglio delle piante e non capisco perché ora non si possa più fare, soprattutto se poi ne verranno messe altre!

  6. Forza Fagioli, i lavori devo o proseguire, non facciamoci intimidire dai soliti bastian contrari.

  7. Volevo vedere se erano le vostre le cantine che si continuano ad allagare perché quelle maledette radici diatruggono tutto! Volevo vedere se era la vostra mamma una delle tante signore anziane inciampate sulle radici! Volevo vedere se finalmente il comune si fosse deciso a sistemare la via di casa vostra e degli ambientalisti si mettevano a bloccare tutto! Vorrei proprio vedere!

  8. No, non vogliamo commandare, cercbiamo solo di savare il salable e lo fa0ciciamo nostro malgrado anche per voi

  9. A parte che i pochi dissidenti non sembra. Una petizione da sola ne raccoglie 1400.
    Da quello che leggo nessuno nega i lavori da fare, ma quanti sono gli alberi con radici che rovinano le case? 3 o 6 quanti? Cosa dice il progetto, lo studio gli accertamenti? O tagliamo tanto per? La via verso il benzinaio ha gli stessi alberi e zero probmlemi.
    Sostituire un albero decennale con un arbustello non e’ la stessa cosa… non credo serva spiegarlo!
    Sostanzialmente e’ una richiesta di informazione e di valutare progetti alternativi…

Comments are closed.