SARONNO – La “verità” di Leonardo Cazzaniga sulle morti sospette all’ospedale di Saronno: il medico “veterano” del pronto soccorso è accusato di 12 omicidi fra i suoi pazienti, più altri tre di famigliari dell’amante Laura Taroni e quella odierna è la giornata dedicata alla sua deposizione al tribunale di Busto Arsizio.

L’udienza, iniziata a metà mattina, ha visto Cazzaniga (qui in una precedente foto d’archivio, in tribunale a Busto) ripercorrere la propria storia personale, per poi soffermarsi sulle relazioni professionali con i colleghi del plesso ospedaliero di piazza Borella e con gli infermieri. Una udienza che, verosimilmente, si svilupperà sino a tarda ora, perchè il medico avrà modo di replicare alle accuse che gli sono state formulate, ovvero di avere somministrato ai pazienti un mix letale di farmaci. Cazzaniga era stato arrestato dai carabinieri della Compagnia saronnese, allora guidati dal capitano Giuseppe Regina, nel corso dell’operazione denominata “Angeli e demoni”, che dopo laboriose indagini si era sviluppata nel novembre del 2016.

11032019

1 commento

Comments are closed.