Home Politica Querelle 8 marzo, Sac affonda: “Un bel tacer non fu mai scritto”

Querelle 8 marzo, Sac affonda: “Un bel tacer non fu mai scritto”

335
9

SARONNO – “Ancora una volta il capogruppo del Pd, Francesco Licata, non si è informato su quanto ha fatto l’Amministrazione comunale in occasione della festa delle donne ed è sconcertante vedere che ha preferito sparare a caso pur di attaccare l’attuale governo di questa città”.

Inizia così la nota della lista civica Saronno al centro firmata dal presidente Paolo Strano in merito alle polemiche relative alle celebrazioni per l’8 marzo.

“Il poeta e scrittore Badoer è autore del celebre verso «Un bel tacer non fu mai scritto!” che dedichiamo a Licata. Gli ricordiamo che l’8 marzo il Comune ha optato, per ricordare questa ricorrenza, non con le solite feste commerciali ma con un ricordo di alto valore culturale, proprio in onore delle donne. Un omaggio alla Donna di oggi, culturalmente preparata e che guarda verso un futuro che le dia più spazio in ogni ambito.

Il concerto, dal titolo “ Donne e Musica” si è svolto a Villa Gianetti con la maestra Chiara Piomboni al pianoforte e con una scelta musicale ad hoc, dedicata alle donne che nei secoli scorsi hanno combattuto per ottenere ciò che oggi è stato acquisito. Questo è stato il doveroso omaggio di questa Amministrazione. L’8 marzo è la giornata Internazionale della Donna ed è anche, chiaramente, un rafforzativo per ribadire la contrarietà alla violenza di genere ma per questa ricorrenza specifica è stata scelta la data del 25 novembre con l’ obiettivo di porre fine alla violenza contro le donne e le ragazze”

13032019

9 Commenti

  1. “sembra abbastanza casuale”
    ma
    “stiamo a crederci”
    perchè
    Piutost che nient, l’è mei piutost

  2. Diciamo una ricorrenza dell’ 8 Marzo un pò di nicchia… forse troppo intima? ( un concerto su 6 cade l’ 8 Marzo )
    Visto l’ escalation soprattutto della violenza verso la Donna ( 4 omicidi/tentati ominicidi) negli ultimi tre giorni. Forse un minimo di risalto in più, con una manifestazione più amplia sarebbe stato gradito.
    Nessuno vuole la festa della salamella in onore della Donna.

  3. Giusto! Concirdo appieno!
    È il cittadino che deve informarsi!!
    Ma perché allora spendete 70000 € per la comunicazione se poi nessuno sa quello che fate?
    Quanta gente c’era a questo evento fantasma-gorico?

  4. Il celebre verso «Un bel tacer non fu mai scritto!” deve essere seguito coerentemente anche da “Una toppa è peggio del buco”. Solo per onestà intellettuale.

  5. Resto basito da una simile risposta: un concerto a tema, per salvare faccia e facciata, è davvero poco per porre l’enfasi su questa giornata davvero particolare che si poteva e doveva raggiungere con un percorso di manifestazioni culturali e sociali organizzato seguendo il fil rouge della contrarietà alla “violenza di genere” che di fatto viene citata, anche questa, solo come data canonica di ricorrenza.
    Ancora una volta viene comunicato il “nulla” per dire che si è fatto “tutto”, affermazione che vuole leggersi anche al contrario quando poi di fatto si è assolto “l’impegno istituzionale” con un concerto di una maestra al pianoforte seppur con scelta musicale ad hoc.
    Vabbeh! ormai i saronnesi hanno capito e sanno interpretare il “sacchiano” pensiero.
    Saluti.

  6. “Sac affonda”
    Già affondata abbastanza, cerca di scavare per scendere più in basso.

Comments are closed.