LIMBIATE / CERIANO LAGHETTO – I troppi festeggiamenti hanno fatto male alle casse del Dal Pozzo: per la gara di giovedì 7 marzo la società, che lotta per i playoff nel campionato di Terza categoria comasco ma che nell’occasione era in campo per i quarti di finale di Coppa Lombardia, in casa contro il Mocchetti. Dopo l’1-1 dei tempi regolamentari, i rigori avevano premitato il Dal Pozzo, che però ora ha infatti ricevuto una sanzione decisamente pesante: 300 euro, che per la categoria non è affatto poco. La decisione è stata adesso presa dal giudice sportrivo, Rinaldo Meles, con il rappresentante dell’Associazione arbitri, Edoardo Piazza ed i collaboratori Enzo Di Martino e Giordano Merati.

L’ammenda è stata disposta “per introduzione e utilizzo, da parte dei tifosi, di materiale pirotecnico che ostacolava la visione sul terreno di gioco”. Insomma, i fumogeni erano così tanti ed intensi da creare una temporanea “nebbia” in campo. Sanzione pesante anche per il Mocchetti, e per questioni completamente diverse. In questo caso la società è stata punita con una ammenda di 250 euro per il comportamento antisportivo dei propri sostenitori, “che offendevano e minacciavano ripetutamente l’arbitro. Alcuni di essi lanciavano verso di lui un accendino ed una bottiglietta senza colpire mentre veniva colpito in volto da acqua lanciata da una bottiglietta”.

(foto: la coreografia luminosa dei tifosi del Dal Pozzo in occasione della partita con il Mocchetti)

15032019

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.