Home Groane Ceriano Laghetto Made in Italy e stop sanzioni alla Russia: trasferta a Milano del...

Made in Italy e stop sanzioni alla Russia: trasferta a Milano del sindaco Cattaneo

217
4

CERIANO LAGHETTO – Iniziativa per il “Made in Italy” da parte del sindaco di Ceriano Laghetto, il leghista Dante Cattaneo, in trasferta a Milano. “Ieri per la Festa del papà abbiamo distribuito arance rosse di Sicilia per dire sì al Made In Italy, e no alle sanzioni da parte dell’Europa alla Russia, sanzioni che danneggiano pesantemente le nostre esportazioni! Auguri a tutti i papà!” le parole del sindaco Cattaneo.

L’iniziativa si è svolta al gazebo allestito dal Carroccio nei pressi degli uffici del consolato russo, presente anche la cerianese Asha Fusi, già assessore a Ceriano. “In piazzale Segesta, presso il consolato della Federazione Russa, abbiamo infatti omaggiato i milanesi con arance rosse di Sicilia per dire chiaramente all’Europa: stop alle sanzioni alla Russia, che non fanno il bene dell’Italia!” ribadisce Cattaneo che da tempo sta portando avanti questa battaglia di sensibilizzazione.

(foto: un momento dell’iniziativa della Lega con il sindaco Dante Cattaneo ed Asha Fusi)

20032019

4 Commenti

    • Guardi che l’embargo verso la Russia ha creato moltissimi problemi nel comparto agro alimentare!

  1. Tra la Russia e gli Stati Uniti c’è di mezzo l’Europa. E a Donald Trump e Vladimir Putin quest’Europa, l’Unione europea, non piace per niente. Il presidente degli Stati Uniti lo ha fatto capire da subito: “L’Europa è il nostro nemico”…
    “Putin e Trump si trovano a condividere lo stesso obiettivo: estendere la propria influenza in Europa per ottenere vantaggi politici ed economici. L’Unione europea è un terzo incomodo fra due potenze…”

    Da nota rivista specializzata in geopolita e teatri di guerra internazionali.
    Attenzione a chi si sceglie come “amico”

    • Completamente d’accordo. E’ l’Europa la nostra casa, non l’America, o la Russia o la Cina.
      Io voglio vivere da europeo, non da servo di Putin o di Trump o della Cina.
      L’ Unione europea poi rappresenta il 56% del nostro export. Altro che Russia!

Comments are closed.