Home Politica Indelicato: “E’ la Chiesa oggi che si muove all’assalto”

Indelicato: “E’ la Chiesa oggi che si muove all’assalto”

512
40

SARONNO – Riceviamo e pubblichiamo la nota del consigliere comunale Alfonso Indelicato dal titolo “Fiat lux”

C’era una volta, tanto tanto tempo fa, un partito che si chiamava Democrazia Cristiana.
La Chiesa sosteneva quel partito, poiché molti suoi esponenti erano cattolici praticanti e affermavano di ispirare la loro azione politica al messaggio cristiano. Inoltre la Chiesa temeva che il Pci potesse prendere il potere, e realizzare in Italia, mutatis mutandis, la stessa persecuzione anticristiana che era stata messa in atto in Urss, nell’Europa Orientale, ed altrove. Lo stesso simbolo della Dc – uno scudo crociato – lasciava intendere che in Italia la dottrina marxista, atea e materialistica, avrebbe trovato in quel partito un insuperabile ostacolo. In quegli anni lontani il Pci e le altre formazioni della Sinistra erano molto attenti alle “invasioni di campo” della Chiesa, cioè ai suoi sconfinamenti in ambito politico, e non mancavano di invitare i presuli ad occuparsi di questioni strettamente religiose e teologiche. Le censure erano particolarmente severe in occasione delle tornate elettorali, quando la Cei volta per volta, magari mutando in qualche misura gli accenti, invitava gli elettori a votare Dc. Ricordo anche che i cattolici che sostenevano di ispirarsi, in politica, al messaggio di Cristo, venivano spregiativamente chiamati “integralisti”.

Passano gli anni, e passano con essi le varie vicende della nostra Nazione. Il mondo è cambiato, al punto che i rapporti fra Chiesa e mondo politico si sono – rispetto ai quei tempi lontani – addirittura ribaltati.

Oggi la Chiesa compie continue invasioni di campo, ma la Sinistra non ha nulla da rimproverarle, anzi trova in essa il suo più forte alleato. In verità, poi, non si tratta di un’alleanza alla pari. È infatti la Chiesa che col suo interventismo nell’ambito sociopolitico ha assunto la direzione dello schieramento che un tempo le fu nemico e che ora le marcia al fianco, anche se la truppa post comunista è divisa fra coloro che intendono togliere dal solaio la mummia di Lenin e coloro che guardano ad un neoliberismo finanziario che dovrebbe garantire nuovi spazi e nuove frontiere, e che in realtà le urne hanno già pesantemente punito.

Dunque è la Chiesa che muove all’assalto. Quando il Pontefice, nei giorni scorsi, concede udienza privata alla famiglia rom al centro dei disordini di Casal Bruciato, non compie certo un gesto gratuito, ma dà la sua risposta ai cittadini romani che osano rivendicare per sé – in quanto italiani – la casa comunale offerta ai nomadi. E con quel gesto dice chiaramente alcune cose: che la Patria non è un valore, che chiunque passi da queste parti, da qualunque parte provenga, ha altrettanti diritti, se non di più, di chi è italiano magari da generazioni. Quando l’Elemosiniere del Papa Konrad Krajewski entra in uno stabile della Capitale occupato da anni per iniziativa di movimenti politici di estrema sinistra, stabile in cui la luce non viene erogata perché nessuno degli occupanti ha mai pagato le utenze, e toglie personalmente i sigilli al contatore, col suo gesto dice chiaramente altre cose ancora: che la prepotenza è benedetta, che la proprietà è un furto, che l’abusivismo è bello, che rubare le case a chi sarebbe disponibile a pagare l’affitto è atto di giustizia.

Fa poi sorridere quanto ha dichiarato lo stesso prelato, evidentemente fiero della gloriosa impresa. “Mi assumo la piena responsabilità di ciò che ho fatto” ha egli scandito, o qualcosa del genere.
Che eroe, quel consacrato! Ricorda i preti che nei paesi comunisti, vestiti con abiti borghesi, portavano di nascosto il Santissimo nelle case dei privati cittadini, e vi celebravano la Santa Messa, e rischiavano la vita, e se scoperti erano trascinati nel Gulag, e quasi sempre vi morivano rendendo testimonianza della loro fede col martirio. Oggi, Cardinale Krajewski, che cosa rischi? Le prime pagine dei giornali, le comparsate in TV, le lodi e i peana dei centri sociali. Diventerai l’ultimo della serie dei nuovi Santi di questa strana Chiesa: dopo Greta, dopo il giovane che sussurrava a Casa Pound, dopo gli eroici magrebini sul pullman impazzito, ecco il Cardinale che taglia i sigilli e ridà la luce ai morosi. Ma sì, In fondo è scritto anche nella Genesi: “Fiat lux”.

14052019

40 Commenti

  1. Dispiace che il consigliere comunale colga occasione per rimandare la sua adesione all’estrema destra cui appartiene.Suvvia anche a lei spetta la ribalta.

    • Forse voleva dire “rimarcare”. Comunque sia, sono di destra senza aggettivi.

  2. Dato che la Politica si riempie di vuoti proclami come il suo , ben venga chi opera veramente nel sociale. In fondo non ha mica staccato la luce a Casapound , abusiva e che non paga le bollette

  3. Il signor Indelicato uomo è di “fede” crede nella Sua “trinità”
    “Patria, Famiglia e Dio” e ogni tanto fa di fatica a tenere uniti questi Suoi valori; essere “integralisti” in un mondo “composto da particelle che si muovono in modo disordinato” è dificilissimo.
    Se si è “neri” mica si può diventare “bianchi” riusciva solo a Calimero al massimo si può diventare “rossoneri” (tifosi del Milan).
    Quindi comincia ad avere dei problemi quando si accorge che il “rosso vivo” (mica di tutti) si è schiarito e infine è diventato un “celestino rosa pallido” buono per ogni occasione, che ora trova nella Chiesa (che nel frattempo è diventata un ’bout più “rossa” ) una guida, alle volte, capace di indicare la rotta contro le ingiustizie e le mediocrità di questa nostra società.
    Una distonia che lo porta a vedere manifestazioni ordinate e cordiali, dove tutti si salutano con ampi e rigidi gesti, e anon vedere che qualcuno occupa uno stabile da anni e non paga la “luce” ma invece gli fa vedere un povero “elettricista” diventato prelato che nel dettame del suo credo dà la “luce”.
    Che confusione alla fine mi sono perso anch’io comincio a vedere un arcobaleno….
    speriamo che porti buono

    Vale

    Vale

  4. Pur di criticare si scade nel ridicolo!
    Buttiamo in barba mille anni di civiltà!
    Ora capisco perché siamo conciati così ora giustifichiamo anche gli illeciti!

    • Anche Santa Madre Teresa di Calcutta per aiutare milioni di poveri, ha avuto qualche grattacapo con l”amministrazione del suo paese.
      Poi Giovanni Paolo II l”ha fatta santa. Chissa se ha pensato piu’ a qualche permesso burocratico saltato quando costruiva la cittadella, o ai milioni di poveri accuditi e salvati dal suo ordine.

  5. Mi piacerebbe leggere un commento di un avvocato: mi risultava che sul territorio della Repubblica Italiana togliere i sigilli ad un contatore fosse un reato. Ma forse mi sbaglio per mia ignoranza. Lo avesse fatto un semplice cittadino ? Grazie

    • Infatti l” elemosiniere ha detto che si assume piena responsabilita” del gesto.
      Anzi non immaginando che l” episodio diventasse pubblico, ma oggi ci sono i cellulari, prima che si incolpasse il primo a caso dei 400 poveracci, ha lasciato il suo biglietto da visita sul contatore.

  6. Una sola precisazione tecnica, la casa comunale offerta ai Rom. ( quelli sono stanziale )
    Non e’ carit’round comunale, ma rispetto delle regole e leggi. I criteri di assegnazione sono stati studiati dalla giunta Alemanno. Il bonus di 18 punti, vale per chiunque in condizioni estreme.
    La soluzione non passa da fomentare i poveri contro altri poveri, non passa da urlare “tro… ti stupro” “zingari di mer…” anche perche da quell’ odio, si cerca di ricavare solo voti. La soluzione e’ una buona gestione delle case popolari, a Roma in moltissimi hanno case solo perche in passato bastava dare soldi al corrotto di turno. Con 20.000 euro te l” assegnavano. A volte gli stessi le riaffittano speculando sul prezzo.
    Poi ne andrebbero semplicemente costruite altre.

    Non mi risulta nemmeno che Gesu’ abbia mai avuto bisogno di suggerimenti, su quale ultimo consolare o su quale lebbroso abbracciare…

  7. “Ho visto che ci sono state tante interpretazioni e tante polemiche. Personalmente credo che lo sforzo dovrebbe essere quello di capire il senso di questo gesto, che è attirare l’attenzione di tutti su un problema reale, che coinvolge persone, bambini, anziani e cercare insieme di risolverlo. Mi pare che questo è già avvenuto in un certo senso, nel senso che anche le istituzioni si sono attivate. Sottolineerei questa positività e questa buona intenzione”
    “Io credo che non dobbiamo neppure fare categorie o gerarchizzazioni, chi si trova in necessità trova nella Chiesa una porta aperta, una mano tesa. Senza dimenticare che ci sono anche tanti italiani che vivono in situazioni di difficoltà e dobbiamo farcene carico, ma la Chiesa se ne fa già carico. Tutti quelli che si trovano in difficoltà sanno che possono trovare un aiuto da parte della Chiesa. Siamo aperti a tutti quelli che soffrono, perché questo è il titolo per il quale la Chiesa aiuta le persone. Deve comportarsi come buona samaritana nei confronti di tutti”.

    Il Segretario di Stato Vaticano Pietro Parolin

    p.s. ci si dovrebbe preoccupare degli ultimi, non preoccuparsi ed etichettare chi spende la propria vita per loro.

  8. Benedette parole. Certa chiesa non è più innamorata di Cristo, ma degli applausi del mondo, e del mondo che in realtà la vuole morta e sepolta. Pertanto non è più Chiesa, ma un pietoso relitto che vaga in mare senza timoniere. Non potrà che affondare ed essere dimenticata

    • La chiesa e il Papa sono innamorati di Cristo e di quello che predica nel suo Vangelo (con le debite eccezioni). Qualcun altro si inventa una propria interpretazione della religione ai fini politici e di potere , ma Gesù stesso li ha già identificati come farisei e mercanti del tempio

    • Questo, gentile anonimo, non potrà mai essere. “Le porte dell’inferno non prevarranno”. Grazie per l’apprezzamento.

  9. Dedicato a tutte quelle persone che pensano che un atto delinquenziale fatto per carità verso altre persone vada bene!
    Cedete le vostre seconde case in comodato di uso gratuito, ospitate persone gratuitamente se avete una stanza vuota!
    Tutti bravi con la “cosa” pubblica dimenticando che l’abbiamo pagata sempre “noi”!

    • Quella casa era abbandonata da anni. Non obbiettivo di nessun riutilizzo.
      Quell’ episodio descrive il fallimento di uno Stato che poco sa occuparsi degli indigenti.
      Cosa in cui invece la Chiesa sopperisce molto. Magari se un giorno avrà problemi lei, magari apprezzerà un gesto come quello o una Suora come quella che assist quelle persone e quei bambini.

  10. Sig. Indelicato, le opere in Italia a sostegno dei bisognosi sono infinite.
    Solo di bollette pagate a persone in difficoltà parliamo di 3,5 milioni. Questo è solo quello a cui a provveduto direttamente l’ elemosiniere. Altro che fare la morale ad una Chiesa schierata…
    Ce ne fossero di più di Chiese schierate….

  11. Sig. Indelicato, le opere in Italia a sostegno dei bisognosi sono infinite.
    Solo di bollette pagate a persone in difficoltà parliamo di 3,5 milioni. Questo è solo quello a cui a provveduto direttamente l’ elemosiniere. Altro che fare la morale ad una Chiesa schierata…
    Ce ne fossero di più di Chiese schierate, molte di più

    • Se wuesto vuol dire occuparsi di milioni di indigenti ben venga schierarsi!!!!
      Tutti bravi a fare i Cristiani a messa alla domenica con il vestitino buono, ma girare lo scurdo davanti alla sofferenza.
      Cristiano col cashmere?

      • Ben venga qualcuno che si muove, siamo tutti paralizzati dal razzismo dilagante e nessuno nuove un dito verso i poveri, italiani o stranieri che siano….

  12. 👍👍👍
    La Chiesa in Italia per i poveri:
    le mense
    le case d’accoglienza
    I mercati solidali
    i pacchi viveri e i pacchi vestiario
    Supporto economico diretto alle famiglie piu” in difficolta”
    Le raccolte fondi, dove si spende in prima persona anche il Papa
    Il tanto criticato elemosiniere, ha ceduto il suo appartamento romano a una famigli di bisognosi. Vive nel suo ufficio!
    E tanto altro ancora….

    Altro che i politici che invece offrono indifferenza e persino l’ostilità, capaci di concepire solo tristi “guerre tra poveri”»

  13. Capisco che Bergoglio turbi l’ultra conservatore, non ha una visione del Cristianesimo Eurocentrica (è Argentino), poco spazio alla filosofia, tanto vangelo applicato.
    Chi si sente bravo Cristiano perchè va a messa e lascia 1 euro di obolo, deve fare i conti con una aspettativa infinitamente più grande.
    Già questo Papa sceglie la Zingara, quella che non è nemmeno Cristiana, quella che va solo odiata.
    E si che non dovrebbe essere così difficile capire, si dico anche il Cristiano distratto, avrà letto qualche pagina di vangelo?
    Gesù ha sempre scelto gli ultimi. Nel vangelo il meritevole è il lebbroso,lo storpio, il peccatore, quella che deve essere lapidata dalla società per bene. Si quella che è Zingara e put**na.

    « La sua presenza nel mondo non sarà neutra e incolore, la sua parola sarà come una spada che penetra fino al punto di divisione dell’anima e dello spirito »

  14. A me piace questa Chiesa di Papa Francesco che si muove all’assalto.
    A me piace il gesto di disobbedianza civile dell’elemosiniere del Papa.
    E’ un’azione coerente col piu’ puro spirito del Cristianesimo alle sue origini. Dalla parte dei poveri. Sempre.

    • Vero. Chiaro gesto molto molto forte quello di Don Corrado ( l’ elemosiniere lo chiamano così), ma in ultima analisi capibile.
      Ho visto dei video. In quello stabile abitano piu’ di quattrocento persone e bambini, ci sono anche malati.
      Auto gestiscono tutto: pulizie, ordine, non c’è assolutamente degrado, violenza, ma dignità. I bambini studiano, organizzano corsi ecc. Ci sono collettivi di teatranti… nulla a che vedere con occupazioni “anarchiche”. Hanno un solo difetto, sono molto poveri.
      Aiutati da tempo da una Suora e anche da Don Corrado.

      Si Papa Francesco è ancora più sensibile ai temi della povertà, alla dignità dell’ uomo, critica la società che “scarta”. E sarebbe un difetto? Anche perchè da quando è giovane è abituato a vedere da vicino la povertà… non te la dimentichi quando fai “carriera”

      Diciamo tranquillamente che la Chiesa, per aiutare gli ultimi, di invasioni di campo ne ha fatte infinite e da tanto tempo, i Preti non hanno messo a repentaglio la loro vita, solo per dare la comunione, ma in tante altre situazioni.
      I missionari in giro per il mondo, cibo, ospedali, scuole.. spesso in aree difficili.
      I Preti “di strada” in Italia ( come nel mondo ) mi viene in mente Don Milani, Padre Pino Puglisi ucciso dalla mafia, e oggi Don Sigurani che opera a Roma ( sempre con i poveri )
      La chiesa quando da dignità alla povera gente, si adopera per trovare fondi, vestiti cibo, non fa azioni politiche… Sporcare la “carità”” l”umanità” dei Preti, della Chiesa con connotazioni politiche è veramente triste.

  15. Il peccatore non è meritevole in quanto tale, ma in quanto uomo per cui Cristo offre il suo prezioso Sangue, e con esso la possibilità della salvezza. Infatti dice all’adultera: “’twill e non peccare più”. Altrimenti cadremmo nell’assurdità che Gesù ama il peccato. E’ vero che di assurdità se ne sentono sempre di più …
    Saluti

  16. Ma non e” amare il peccato, ma cosa sta dicendo, e” amare gli ultimi, l” uomo.
    Il concetto odierno e” ben espresso dal termine usato dal Santo Padre “scarti della società”, “La cultura dello scarto respinge i più deboli”. Vale per tutti.
    Tra Bergoglio ha sempre avuto questo approccio, anche quando stava in Argentina. Non e” che non sapevano chi stavano eleggendo Papa.

    Le parole quando ha “assunto” il suo elemosiniere sono state piu” o meno queste: per fare il tuo mestiere non hai bisogno di una scrivania. Non aspettare che i poveri bussino alla tua porta, vai tu a cercare loro.

  17. Vorrei vedere tutte queste persone che commentano se dovessero ritrovare la casa occupata al ritorno delle vacanze!
    Tutti bravi con le cose degli altri!

    • Non sono case private, ma semplici immobili abbandonati e vuoti da tempo.
      Per cui il suo paragone mi sembra non calzi x nulla.
      Una gestine delle case popolari onesta, non porterebbe a queste situazioni o la ridurrebbe.
      Ci sono tantissime persone che hanno avuto case popolari, senza averne diritto, grazie a corruzione e “amicizie”. Persone benestanti che pagano 100 euro x una casa popolare in centro (vedi a Rona)
      Spreco infinito di soldi pubblici nella gestione delle casi popolari.
      Molto molto piu” colpevoli.. Questi ultimi signori.

        • E” notizia risaputa, ci sono indagini, in qualche modo il comune di Roma sta provvedendo.
          Casi analoghi in altri comuni.
          In lombardia x aler ci sono indagini, 180.000.000 di buco se non ricordo male. Sa quante case sistemavi o costruivi con una gestione sana.

    • Immobile abbandonato da anni…
      non hanno rubato la casa a nessuno
      per dirla tutta chi ruba le case, sono più quelli che se le sono fatte assegnare corrompendo.
      C’è anche chi le riaffitta a prezzo maggiorato.

      • Questo non giustifica un reato!
        Mi sembra ridicolo giustificare chi commette una illegalità!
        Allora tutti i terreni incolti nei nostri territori visto ha sembrano abbandonati potremmo costruirci delle case tanto è da anni che nssunno li coltiva
        RIDICOLO!

        • E molto piu” ridicolo quando sulle case popolari si ruba, si corrompe per averle senza diritti.
          Chi le ha ottenute anche se benestante, poi se le riaffitta e ci lucra…. Molto piu grave e piu” ridicolo e senza lA minima attenuante.

        • sbaglia. Il paragone corretto sarebbe uso un terreno non mio ma inutilizzato, lo coltivo e con il ricavato mi sfamo e sfamo altri.
          Se ci costruisco una villetta, sono quello che usa la casa popolare, paga 80 euro di affitto ed ha un reddito di 50.000

  18. …e intanto i terremotati vivono ancora nei container…
    Evidentemente questo non fa notizia!
    Il degrado dell’Italia e degli italiani non si ferma più!

    • non si preoccupi c’era chi speculava anche su quello…
      è passato un anno e nulla è cambiato…
      chiede alla gente del posto…

  19. Forse gesto più spettacolare che utile….sarebbe bastato intestarsi le utenza senza commettere nessun illecito perché togliere i sigilli è un reato!

    • Quelli erano in quella situazione da 5 gg.
      Il prete e” stato chiamato di notte.
      Gente che stava male ecc.
      Se passavi dalla burocrazia ci stavi 2 mesi…
      Serve residenza, pratiche, le fatture intestate a chi?

Comments are closed.