SARONNO – Il terribile incidente avvenuto la notte di venerdì 1 dicembre 2017 alle porte di Saronno, con la morte di tre ragazzi, è giunto l’altro giorno al vaglio del tribunale di Busto Arsizio: l’unico a scamparla, ferito ma sopravvissuto, di chi c’era su quella Fiat Punto, scontratasi con un camion spargisale, ha patteggiato due anni e quattro mesi di reclusione, e la sospensione della patente per tre anni. Dal punto di vista legale, la vicenda si è quindi conclusa in questo modo.

Il ragazzo, 24enne di Rovello Porro, era al volante della Punto: sulla Milano-Monza, viale Lombardia, praticamente di fronte al minigolf, stava facendo manovra quando c’era stato il violentissimo impatto con il camion. Erano morti Davide Greco, il 21enne di Rovello Porro, vice allenatore della Lokomotiv Saronno, squadra amatoriale saronnese; e due studenti di 16 anni, Alessandro Masini di Saronno e Matteo Carnelli di Rovello Porro.

Dal punto di vista investigativo, nessuna contestazione era stata mossa al 25enne di Uboldo che era alla guida del camion.

27062019