SARONNO – Caldo record, solo a metà della prossima settimana è previsto qualche temporale. E intanto preoccupa l’ozono, come sottolinea Ambiente Saronno, circolo locale di Legambiente, prendendo spunto dalle più recenti rilevazioni ufficiali.

Dicono da Ambiente Saronno: “Il verde assorbe l’inquinamento da ozono. Il 26 giugno abbiamo superato la soglia di allarme, e il trend è in salita, il 27 è stato peggio. Saronno è la città che risulta più inquinata della provincia di Varese. Teniamolo a mente”. “I rilevamenti dell’Arpa, l’Agenzia regionale per l’ambiente, degli ultimi giorni per l’inquinamento da ozono a Saronno mostrano livelli elevati – si legge in una nota degli ambientalisti – L’inquinamento da ozono causa problemi respiratori, soprattutto nei bambini, ma superata la soglia di allarme, tutti dobbiamo fare attenzione. Quando si raggiunge la soglia di attenzione di 180 µg/m3 i soggetti deboli non devono stare all’aperto e se vi è necessità di uscire, stare all’ombra, preferibilmente quella degli alberi. La soglia di allarme è di 240 µg/m3 con rischio sanitario evidente. All’allarme dovrebbero seguire provvedimenti drastici di riduzione delle fonti”.

30062019

3 Commenti

  1. Sarà colpa di tutte le salamellate della zona….servono mobilità sostenibile e aree verdi ed invece aumentano i parcheggi…..

  2. Invece di continuare a usare le auto sia per andare lontano e vicino usiamo la bicicletta elettrica quella NON INQUINA AVETE CAPITO!!!!!!!???

  3. ….magari se la gente la smettesse di usare sempre la macchina..se veramente ci fosse un divieto di circolazione serio..ma andate a piedi o in bici…!!!!

Comments are closed.