SARONNO – “Si conferma che sono stati effettuati nei giorni scorsi, da parte di Ats, delle verifiche sulla piscina scoperta di Saronno in via Miola, come prassi su tutti gli impianti natatori stagionali attivi sul nostro territorio”. Così inizia la nota dell’Ats che fa il punto sui rilievi effettuati lo scorso 25 giugno alla vasca esterna di via Miola dove come confermato da Saronno Servizi è stata ritrovata “la presenza se pur in modica quantità di Pseudomonas aeruginosa e un valore ph non conforme alla normativa” come dichiarato da numero uno della società Katia Mantovani.

“A seguito degli accertamenti eseguiti – continua la nota esplicativa di Ats – è stata data indicazione al gestore di provvedere a porre in atto opportune verifiche impiantistiche, in regime di autocontrollo, e di adottare al contempo i necessari provvedimenti per garantire il rispetto dei requisiti di qualità dell’acqua della piscina”.

Ed effettivamente Saronno Servizi ha “attivato tutte le procedure di bonifica, come previsto da manuale di autocontrollo interno. Sono state svuotate e pulite le vasche di compenso, nonché effettuata iperclorazione”.

“Sarà cura del gestore comunicare l’ottemperanza – conclude Ats – a quanto prescritto per concludere positivamente gli accertamenti avviati”. Saronno Servizi ha effettuato ieri delle analisi relativi alla presenza di pseudomonas aeruginosa i cui risultati saranno resi noti, una volta definitivi, dalla Saronno Servizi Ssd come annunciato dalla numero uno Katia Mantovani.

(foto archivio)

02072019