CARONNO PERTUSELLA – BARANZATE – Il corpo senza vita di Stefano Marinoni, il 22enne baranzatese di cui si sono perse le tracce lo scorso 4 luglio, è stato ritrovato oggi pomeriggio in una zona verde tra Arese e Rho.

Il ragazzo era uscito di casa alle 19,30 della scorsa settimana a bordo della sua Smart senza dare più notizie di sè. I familiari hanno subito dato l’allarme fornendo una descrizione del ragazzo e della sua macchina. La vettura è stata ritrovata, ieri, in parcheggio di via Cantù a Baranzate, regolarmente chiusa. Da qui sono partite le ricerche mirate dei carabinieri che hanno portato al ritrovamento del corpo intorno a mezzogiorno. Era a 300 metri dalla vettura in una zona campestre vicino ad un traliccio dell’alta tensione.

Determinante per il riconoscimento, visto che il corpo era in avanzato stato di decomposizione gli abiti e le chiave della macchina che il ragazzo aveva in tasca. I primi riscontri non hanno evidenziato segni di violenza solo una frattura allo sterno. Terminati i rilievi, necessari per fare chiarezza sull’accaduto, il corpo è stato rimosso e predisposto per l’autopsia necessaria per chiarire le cause della morte. La ferita riscontrata sarebbe compatibile con la caduta dal traliccio. Le ricerche sono state particolarmente intense anche nel Saronnese visto che il ragazzo lavorava come elettricista a Caronno Pertusella.

12072019

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.