Home Cronaca Saronno, maxi rissa tra una quindicina di stranieri: spunta anche un coltello

Saronno, maxi rissa tra una quindicina di stranieri: spunta anche un coltello

4125
28

SARONNO – E’ stato necessario l’intervento di diverse pattuglie dei carabinieri per sedare la maxi rissa scoppiata sabato pomeriggio nel quartiere scolastico cittadino. Una bagarre con una quindicina di persone coinvolte che neppure l’arrivo delle forze dell’ordine a sirene spiegate ha placato completamente tanto che uno dei litiganti ha finito per salire sul cofano di una delle pattuglie.

E’ l’ultimo movimentato episodio che si è registrato in città dopo l’accoltellamento durante le selezioni di Miss Italia, la bagarre in stazione della notte successiva e l’aggressione subita da un 18enne a pochi passi dal Municipio.

Ora sono i carabinieri che stanno cercando di ricostruire l’accaduto. L’allarme è scattato intorno alle 17 quando al numero unico delle emergenze 112 è arrivata la chiamata di alcuni saronnesi che chiedevano l’intervento delle forze dell’ordine per la presenza di una quindicina di stranieri che si fronteggiavano tra via Carso e via Istria. Immediata la mobilitazione. Le sirene delle pattuglie hanno creato un ’bout di fuggifuggi ma due contendenti, di cui uno armato di coltello, sono rimasti sul posto.

Quest’ultimo alla vista dei militari ha dato in escandescenza arrivando a salire sul cofano della vettura dei militari. E’ stato comunque bloccato ed arrestato. Per lui, 36enne di origine tunisina già noto alle forze dell’ordine, è arrivata l’accusa per resistenza a pubblico ufficiale e per porto ingiustificato di coltello. Denunciato a piede libero l’altro tunisino rimasto sul posto.

Come detto i militari della compagnia di Saronno sono all’opera per cercare di risalire alle cause della rissa.

(foto archivio)

22072019

28 Commenti

  1. Fora di ball !
    Noi tutti cittadini , non solo i leghisti , siamo esasperati da questi loschi individui !
    Galera e rimpatrio !

  2. Ma dov’è questa sicurezza in città,questi fanno quello che vogliono e ormai siamo stanchi di sentire tutti i giorni accoltellamenti e risse.
    Inoltre la notte tutto è permesso.

    • Se la polizia locale la usa al 90% solo x fare multe, succede. Non parlo del fatto specifico, ovvio, ma in generale.

    • Tutto in linea con tante parole e propaganda, prima e dopo. Realta` batte slogan 6 a 0

  3. Un aiuto per Fagioli & C.
    invece di fronteggiarsi due a due con grande perdita di tempo e sette articoli di giornale,lo fanno quindici alla volta, così si risparmia anche il tempo alla giunta per fare tutti quei comunicati sulla sicurezza, Ne basterà uno per ribadire che a Saronno la sicurezza è raggiunta e che quindici alla volta sono solo ragazzate.

    • 👍
      Oltre i comunicati il nulla.
      Salvo qualche arresto di cigliegie 😂
      A anche un paio di borsette tarocche….

  4. tranquilli….un piccolo diverbio tra coloro che ci pagheranno le pensioni. Amiamoli…

  5. Meno male che il piano sicurezza era quasi ultimato!
    I gloriosi slogan dell’ amministrazione, si schiantano ogni giorno contro la realtà!

  6. Sig. Veronesi tranquillo non e` successo nulla, nell` articolo si sono sbagliati e` avvenuto in un paese vicino. Qui da noi tutto tranquillo. 😂
    Siamo in una botte di ferro 😉

  7. Se in Tunisia avesse fatto una cosa del genere, non avremmo più sentito parlare di lui.

  8. quello che dovrebbe fare riflettere è l’allarme sociale per una rissa e il silenzio per operazioni di stile mafioso in cui sono stati coinvolti anche esponenti politici in zona, cosa che crea molti più danni alla società

  9. Dove c’è l’offerta c’è la domanda e chi domanda… chiedetelo ai Vs figli che attendono il pullman la mattina alle 8.00 in piazza S.Francesco e connessa piazzetta con fontana, ai vari giovani che transitano per via G.Ferrari e il retrostazione con pali che eseguono il controllo del territorio per dare l’allarme nel caso arrivasse qualche pattuglia, e sono sempre in bicicletta… colpite la domanda e crollerà l’offerta.. (vero è che i cittadini sono stufi di assistere a tali degradanti episodi…meglio non uscire o cambiare aria…)

    • Concordo.
      Spesso su questo giornale si legge lo scalpore per lo spaccaiatorello, mai per quello che sta prima e sta dopo come problema. Si vende perchè qualcuno consuma. Se i giovani consumano il grosso del problema sta lì. Oltre ovviamente le organizzazioni malavitose che usano lo spacciatorello per vendere. Miopia dilagante.

  10. Veronesi,Sala, basta comunicati, non vi accorgete che continuate a tirarvi la zappa sui piedi..basta!

    • Lo sono convinti che abbocchiamo ancora!
      Si applaudono l` un l` altro e sfornano la velina.

      • il dramma è che una gran parte della gente abbocca a questi dilettanti, i professionisti non godono di fiducia. Il risveglio sarà durissimo

Comments are closed.