Home Groane Regina Elena a Solaro, si comincia dal rifacimento del giardino

Regina Elena a Solaro, si comincia dal rifacimento del giardino

1846
15

SOLARO – Sono partiti la scorsa settimana i lavori nella parte esterna dell’ex scuola Regina Elena, oggetto di un importante intervento di riqualificazione progettato dalla giunta guidata da Diego Manenti nel precedente mandato amministrativo.

Come spiegato dall’assessore in pectore Christian Caronno, “la Soprintendenza ai Beni Culturali e Architettonici ha posto un vincolo sul rifacimento del giardino, che dovrà essere riportato allo stato originale, ovvero agli anni Trenta”, ecco perché l’amministrazione Moretti ha programmato per quest’estate l’intervento di rimozione degli alberi antistanti alla facciata, che verranno in un secondo momento sostituiti con essenze differenti.

L’edificio di via Cadorna, una volta chiuso il cantiere, diventerà il polo culturale di riferimento per il paese: gli spazi interni sono stati revisionati, sempre in accordo e sotto le direttive della Soprintendenza dei beni architettonici, in modo da ricavare posto per diverse attività che l’amministrazione ha voluto collocare all’interno dell’ex scuola: la biblioteca, l’Informagiovani, la sede di associazioni, un’attività di ristoro e bar.

13082019

15 Commenti

  1. Solaro le comiche….trovano la scusa per evitare di tagliare i prati del verde pubblico e abbattono due alberi centenari!
    Siete imbarazzanti!

    • Forse lei non ha capito è tutto imbarazzante!
      Trovate la scusa per non tenere in ordine il verde pubblico e poi abbattete delle piante senza motivo(e non sono le prime gia abbattute davanti alle scuole medie)!
      Come già detto da altri obbligate e dico obbligate minacciando multe per chi non taglia l’ambrosia e voi la fate crescere rigogliosa a bordo strada!

  2. Un privato cittadino non può togliere un albero dal suo terreno “siamo nel Parco delle Groane” devi chiedere il permesso anche x come tagliare un ramo..E loro vogliono togliere due alberi vigorosi e centenari.ABOMINEVOLE!!!!.
    Cittadini fatevi sentire!!!!

  3. Dipende da che cittadini , all’interno di un’area recintata sono stati disboscati 7000 settemila metri quadrati di pini , nessuno si è opposto ,è stata richiesta una contropartita di piantumazioni , forse i “verdi” intervengono solo quando c’è un’amministrazione ” nemica “.Le piante in Via Drizza , ci siamo già dimenticati , a già non siamo a Saronno . Mentre quando c’è un’acquazzone o una nevicata le piante cadono copiose sulle strade , sulle macchine e nei giardini pubblici , forse bisognerebbe controllare le potature , spendere i denari in maniera corretta …….

  4. Mi dispiace molto per il taglio degli alberi sani. Un tentativo per cambiare le disposizioni della Soprintendenza si potrebbe (poteva?) fare.
    Mi stupisco (e rammarico) che nessun membro dell’amministrazione comunale si sia adoperato in tal senso.
    C.

      • Già, a maggior ragione… Ma chiunque può farsi portavoce soprattutto se si ricopre una carica istituzionale e si ha voce in capitolo.
        Spero davvero ci sia ancora spazio e modo per trovare una soluzione alternativa per la salvaguardia di questi alberi.

  5. Sappiamo che non sapete ciò che fate ma per piacere non toccate gli alberi della ex scuola.
    Una cosa non capisco ma il parco e i verdi come mai non intervengono?
    Forse perché fanno parte della stessa corrente politica!
    Saronno e Solaro molto vicini ma per alcune cose molto lontane!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.