SARONNO – Gli spogliatoi saranno pronti per il primo settembre ma le Azalee, la nuova squadra femminile che giocherà in serie C con la maglia biancoceleste, saranno costrette a giocare a Gallarate almeno la prima parte del campionato in attesa dell’omologazione del Colombo Gianetti.

E’ una storia che si ripete se la prima squadra dell’Fbc Saronno ha giocato per tre anni a Cesate prima di solcare l’erba del Colombo Gianetti per le opere di rifacimento della facciata, ingresso e tribuna ora tocca, a causa di un ritardo dei lavori e di alcuni tempi tecnici alla nuova squadra di calcio femminile nata dall’accordo tra il rinato team della società della città degli amaretti e le Azalee di Gallarate.

“Purtroppo – ha spiegato il presidente Simone Sartori al raduno della prima squadra che milita in Prima Categoria – lo stadio attualmente non è omologabile per quel campionato. Ci vuole una omologazione corrispondente al campionato maschile di serie D, che non è possibile neppure richiedere sino a quando non saranno completate le opere di sistemazione degli spogliatoi, che sono attualmente inutilizzabili perchè c’è il cantiere”.

I lavori per gli spogliatoi sono iniziati un anno fa e avrebbero dovuto finire per il girone di ritorno dello scorso campionato. Ci sono stati dei problemi con l’azienda che ha vinto l’appalto e il Comune è intervenuto con forza. I lavori sono ripresi con tanto di operai al lavoro a Ferragosto ma l’intervento, che ha dovuto fare i conti con alcuni inconvenienti tecnici dovuti a problemi con le tubature decisamente vecchie, si concluderanno ad fine mese.

“Solo quando i lavori saranno ufficialmente finiti, potremo avviare l’iter di omologazione degli spazi con la Federazione, ed è una procedura che richiede del tempo”. Così le ragazze saronnesi giocheranno in trasferta l’inizio di campionato con la speranza di portare le loro maglie biancocelesti sull’erba del Colombo Gianetti già nel girone di ritorno.

20082019

1 commento

  1. Anche con lo stadio siamo alle comiche: solo pochi mesi ’twas annunci in pompa magna e foto di politici locali davanti allo stadio e adesso scopriamo che non é ancora a norma?

Comments are closed.