CERIANO LAGHETTO – Ci sono voluti cinque giorni di indagini e scavi da parte di operai e tecnici di Brianzacque per risolvere il problema di una dispersione idrica che si è manifestata sull’incrocio sopraelevato tra via Laghetto e via Verdi, recentemente riasfaltato. Si trattava di un “velo d’acqua” superficiale che affiorava proprio dalla parte sopraelevata della strada.

Per giorni, da parte delle squadre tecniche del servizio acquedotto di Brianzacque, coordinato dall’ingegner Antonello Sala, sono stati effettuati rilievi su tutte le condutture sotterranee dell’acquedotto censite, ma senza esito. Soltanto martedì sera, l’origine del problema è stata finalmente trovata: si trattava di una vecchia tubatura dismessa, che non risultava nelle mappe attuali. E’ stata prima riparata per bloccare la perdita, per proseguire poi con il taglio necessario alla sua completa rimozione. Presente più volte sul cantiere anche il sindaco Roberto Crippa, per verificare le operazioni di ricerca

(foto: una immagine di via Silvio Pellico a Ceriano Laghetto)

05092019

6 Commenti

  1. Congratulazioni ai vari detrattori (politicizzati) che come sempre hanno cavalcato l’onda con polemiche ed inutile sarcasmo. La prossima volta consiglio maggiore coscienza civica e volontà di fare bene per il paese evitando sterili accuse…

    • L’ articolo purtroppo non è stato corredato dal selfie del sindaco o vicesindaco.

      • C’erano altre persone che non perdevano occasione di contestare (e fare battute per) i selfie del sindaco (ora vice) di Ceriano.
        Oggi quelle stesse persone, sindaca+assessori+consiglieri solaresi in primis, fanno la stessa cosa.
        Della serie “ti critico ma ti emulo”.

  2. ma chi è il genio del male che ha deciso di riparare una conduttura che 5 minuti dopo ha iniziato a rimuovere?!?!?!

  3. Veramente mistero è che una tubatura dismessa porti ancora acqua e che non sia mappata…..

Comments are closed.