SARONNO – Leonardo Cazzaniga è stato trasferito agli arresti domiciliari: il medico “veterano” del pronto soccorso dell’ospedale di Saonno, arrestato nel novembre del 2016 per una serie di morti sospette in corsia, ha ottenuto di tornare a casa, lasciando da allora per la prima volta il carcere.

Nei giorni scorsi era stato il suo legale a presentare una istanza in questo senso, ora accolta dal Tribunale di Busto Arsizio. Cazzaniga, abitante a Rovellasca (ora abiterà con gli anziani genitori) deve rispondere di dodici decessi sospetti avvenuti nel corso del tempo al pronto soccorso del nosocomio saronnese di piazza Borella e di tre morti avvenute nell’ambito della famiglia dell’ex amante, l’infermiera Laura Taroni di Lomazzo, quest’ultima già condannata a trent’anni di reclusione con sentenza che è stata recentemente confermata anche in appello.

(foto archivio: Leonardo Cazzaniga al centro della immagine, durante una delle udienze del processo in corso al tribunale di Busto Arsizio)

09092019

4 Commenti

  1. Finirà tutto in prescrizione, vedrete. È un cancan mediatico in previsione della futura approvazione di leggi eutanasiche

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.