PARIGI – E’ iniziata l’avventura al Mondiale per cani da soccorso del saronnese Matteo Romanò con il suo cane Dina: dopo la cerimonia d’apertura (foto), l’altro giorno la prima prova, quella di “obbedienza”, mentre quella decisiva è prevista nella giornata odierna. Sarà quando Matteo e Dina, che rappresentano l’Italia, saranno chiamati in una simulazione, dovranno individuare eventuali persone sotto le macerie, a fronte di un disastro naturale. Il test si terrà nei pressi di Parigi in Francia, dove si sta tenendo in questi giorni la cerimonia iridata: in loco c’è un campo d’addestramento di ultimissima generazione, che riproduce un villaggio con tanto di scuola, case private, ospedale ed anche una stazione di servizio. E’ in questo contesto che i partecipanti dovranno cercare i figuranti che si presteranno nel ruolo di feriti; ogni team avrà al massimo venti minuti per trovare i feriti.

Come andrà a Matteo e Dina? A prescindere dalla classifica finale, per loro un risultato incredibile è di essere riusciti ad arrivare sin lì, considerato che Matteo è “solo” un volontario, del Nucleo cinofilo dell’Associazione alpini di Varese; mentre quasi tutti gli altri dal mondo sono professionisti del settore; poliziotti, vigili del fuoco, operatori di protezione civile.

21092019