CISLAGO / RESCALDINA – Va nel bosco a cercare hascisc, esce in barella con una ferita d’arma da fuoco: è successo oggi a Cislago, con epilogo nella vicina Rescaldina dove il protagonista di questa vicenda, un trentenne, è stato soccorso. In base al racconto del ragazzo, oggi all’ora di pranzo, martedì, sarebbe entrato nella zona boschiva alla periferia di Cislago, suo intento quello di trovare uno degli spacciatori che frequentano la zona e comprare del “fumo”. Ma sarebbe rimasto involontariamente coinvolto in una lite tra chi nel bosco già c’era, e sarebbe partito un colpo d’arma da fuoco ferendolo. Sarebbe stato esploso da un fucile, prima del fuggi fuggi generale.

Benchè sanguinante, il trentenne a piedi ha raggiunto la periferia di Rescaldina, via Melzi, dove ha chiesto aiuto: a quel punto, erano le 12.45, l’intervento dei carabinieri con la polizia locale ed una ambulanza della Croce rossa. Il giovane ha concluso il pomeriggio ricoverato all’ospedale di Legnano: ha una ferita alla gamba destra, dove è stato colpito da pallini. Non è in pericolo di vita.

24092019

2 Commenti

  1. A me, che tutte le mattine mi alzo alle sei per andare a lavorare e torno alle otto di sera, non mi spara nessuno nelle gambe…

Comments are closed.