CISLAGO – Sono continuati i controlli nelle zone boschive di Parco Pineta e Parco Rugareto nel cui ambito, nei giorni scorsi, gli uomini dell’antidroga della polizia di Stato di Varese hanno controllato un giovane che si aggirava con fare sospetto in una zona non molto lontana dalla zona boschiva di Vedano Olona.

Il giovane è stato trovato in possesso di una dose di marijuana per cui è stato segnalato alla Prefettura per la violazione amministrativa di detenzione per uso personale. Gli agenti nella circostanza sono riusciti a risalire al luogo di approvvigionamento individuato in un appartamento nel vicino comune di Binago in provincia di Como. All’interno della casa è stato identificato, si tratta di un uomo di 43 anni, il quale è stato trovato in possesso di 600 grammi circa di marijuana e materiale per il confezionamento di dosi, quantitativo importante ma in realtà solo la punta di un iceberg. Gli investigatori, non paghi, hanno cercato e trovato la cantina di pertinenza dell’appartamento nella quale entrando hanno trovato ben 3300 grammi circa di hashish. Subito sono scattate le manette ai polsi del quarantatreenne che è stato deferito in stato di arresto alla Procura della Repubblica di Como, competente per territorio, e associato alla relativa casa circondariale.

Sempre la polizia di Stato, nell’ambito della propria attività antidroga, ha compiute sequestri anche a Varese e dintorni. Complessivamente sono stati sequestrati 4 chilogrammi di marijuana, 3 piante in vaso di canapa, circa 3 chilogrammi di hashish, 30 grammi di cocaina e la somma di 30 mila euro, provento dello spaccio. In particolare nell’abitazione di un 24enne varesino sono stati trovati 2 chilogrammi circa di marijuana in parte già divisa in dosi, 600 grammi di hashish, vario materiale necessario per la pesatura e il confezionamento delle dosi da vendere e, ritenuta provento dell’attività di spaccio, la somma in contanti di circa 27 mila euro.

(foto: la droga sequestrata dalla polizia di Stato)

03102019