RESCALDINA – La pace e l’accoglienza hanno i colori dei bambini. Agli 800 alunni delle scuole dell’infanzia e primarie di primo grado di Rescaldina, aiutati dai piccoli del nido “Wojtyla” e dai ragazzi del Centro diurno disabili, è stata affidata la realizzazione della Grande barca della pace e dell’accoglienza. Sabato 9 novembre, dalle 14.30 nel “Bosco della pace” di via De Gasperi saranno proprio i giovanissimi a ricoprire il telaio della barca con le strisce di compensato da loro colorate e arricchite di messaggi. Il risultato sarà uno scafo variopinto che darà vita ad una grande installazione lunga 7 metri, alta 2 e larga 2,5: la Grande barca della pace e dell’accoglienza.

“Educare ai diritti umani e alla cittadinanza democratica, al rispetto della natura e dell’ambiente, alla partecipazione civile, è un’esperienza significante nel cammino di una comunità” osserva Vittorina Cottica, vicepresidente di Articolonove l’associazione culturale che ha promosso il progetto e ha coinvolto tutte le scuole cittadine. Che prosegue: “L’evento al Bosco della Pace aderisce alla giornata contro i muri della vergogna, organizzata dalla “Tavola della pace” in occasione del 30′ anniversario della caduta del muro di Berlino. Oggi ci sono tanti altri muri che sono invisibili: dai muri della povertà e delle disuguaglianze, a quelli dell’indifferenza, ai muri dell’odio e dell’intolleranza. Oggi più che mai, invece dei muri dobbiamo costruire fraternità, una fraternità universale. Ed è bello che siano proprio i più giovani della nostra comunità a lanciare un segnale chiaro e colorato”.

La scelta del luogo dove posizionare questa Barca dell’Accoglienza non è casuale: il Bosco della pace, voluto dai bambini delle scuole primarie tre anni fa, è diventato nel tempo il fulcro di tutte le iniziative dell’associazione Articolonove che ha fatto della grande area verde di via Alcide De Gasperi un luogo simbolo di solidarietà e rispetto dell’ambiente. Un luogo di pace che i raid vandalici che si sono ripetuti nel tempo non hanno scalfito. Sabato 9 novembre, il parco si arricchirà di un nuovo messaggio l’accoglienza, rappresentato da una grande barca: più che una sfida all’ignoranza e all’egoismo, è un’apertura al futuro che passa attraverso l’educazione. Il programma della manifestazione prevede a partire dalle 14.30 l’arrivo di tutti bambini: ciascuno porterà con sé il tassello in legno colorato a scuola cui ha voluto affidare il proprio messaggio di fratellanza. La tavoletta sarà applicata sul telaio fino a comporre uno scafo multicolor. Durante il pomeriggio, verranno letti alcuni brani dal libro “La zattera” di Lucia Salemi e al termine, insieme con i ragazzi del Team Down, merenda per tutti.

09112019

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.