Home ilSaronnese Ceriano Laghetto Disturbo alle piazze di spaccio, pusher e clienti in fuga

Disturbo alle piazze di spaccio, pusher e clienti in fuga

697
20

CERIANO LAGHETTO / SARONNO – Ancora droga nei boschi fra Saronnese e Groane, ancora un intervento di pulizia da parte dei volontari e di controllo da parte della polizia locale, con in prima linea anche il vicesindaco cerianese Dante Cattaneo, da sempre impegnato su questo fronte. Anche stavolta è stata rimossa sporcizia e sono state portate via le siringhe, sono state rimosse le tende lasciate dai pusher e sono stati “disturbati” facendo scappare i loro clienti.

“Anche ieri e oggi vasta operazione anti-droga nel povero Parco Groane con la polizia locale. Il supermarket della droga lavora sempre. Nonostante i vari impegni che spesso mi portano anche lontano da qui, io non mollo su questo fronte! Il Parco va ripulito e liberato!” dice il vicesindaco Cattaneo. A Ceriano tanti gli interventi per contrastare lo spaccio, con controlli anche con il cane antidroga e dall’alto con il drone.

(foto: il vicesindaco di Ceriano Laghetto, Dante Cattaneo; con la polizia locale nei boschi della zona)

14112019

20 Commenti

  1. 👏👏👏
    L’unico che ci mette tempo, testa e braccia!
    E anche la faccia! Assumendosi anche rischi non indifferenti.

    • ma va là, c’è mica anche la Nilde Moretti di Solaro?
      Ah no, lei ha chiesto “un momento di incontro e confronto che ci è stato accordato dal Prefetto Renato Saccone”

      • Effettivamente a ceriano la situazione è enormemente cambiata, come a cislago, mozzate, saronno ….

        • Invece a Solaro è sempre peggio stabili occupati e tossico dipendeti che dormono davanti alle abitazioni.
          Ma l’importante è dire che è tutto in ordine!

  2. Quanti bei pesciolini che abboccano.
    Con queste “operazioni” non si fa altro che aumentare il numero dei “turisti”, lo spaccio è sempre più in aumento.

  3. @@ Anonimo 15/11/2019 at 8:38 am
    Quanti bei pesciolini che abboccano.
    Con queste “operazioni” non si fa altro che aumentare il numero dei “turisti”, lo spaccio è sempre più in aumento.

    fra un pò gli manca di fare degli spot in tv, cos organizzano pellegrinaggi da tutta la lombardia… Cosa non si fa per farsi pubblicità….

  4. sicuramente l’amministrazione di ceriano lavora molto bene, tanto che amministra da diversi anni. detto tutto questo tali operazioni sono solo propaganda utile a farsi qualche selfie, e la dimostrazione che malgrado “queste operazioni” lo spaccio era e è sempre uguale esattamtne come in tutte le zone boschive che siano groane, pinetina …. per risolvere il problema serve ben altro. Sia culturalmente che repressivamente ma coinvlgendo le uniche persone preparate a questo che sono i prefetti e le forze dell’ ordine

    • Ha ragione ma è anche vero che ci sono amministrazioni (Solaro) che fino a settima scorsa negava la problematica ora messa alle spalle al muro da vari fatti di cronaca è stata costretta a rimangiarsi le dichiarazioni fatte 4 mesi fa!

    • @ Anonimo 15/11/2019 at 9:59 am
      sicuramente l’amministrazione di ceriano….

      Bravissimo. Finalmente leggo un commento ragionato.

      Sostanzialmente spot, a mio avviso quasi più dannosi che altro. Leggo spesso questi articoli, ergo non ci si muove di un centimetro. Cambiano le foto.
      Chi può intervenire e fare cose serie possono essere solo le FdO. A livello Comunale ben poco. Mi sembra che a Ceriano poi hanno 2 membri in croce alla Polizia Locale.
      Sicuramente andrebbe potenziata. Con le foto si fa poco.
      Non leggo mai piani di prevenzione, mai! Ma secondo voi li ci sono gli spacciatori perchè? Campagne nelle scuole, associazioni, piani di recupero per i ragazzi in tossico dipendenza? O il problema lo si affronta a 360 gradi o veramente si sta più o meno guardando il dito e non la luna.

  5. Anche le altre Amministrazioni Comunali imparassero da Dante e Crippa e forse con la collaborazione questo Parco sarebbe messo un ’bout meglio…

Comments are closed.