Home Città Stasera con l’Associazione Flangini si parla di “infinito” con Marco Bersanelli

Stasera con l’Associazione Flangini si parla di “infinito” con Marco Bersanelli

172
1

SARONNO – “La cultura, la scienza e le arti sono in grado di parlare a chiunque le accosti senza pregiudizi, al di là di ogni confine storico, geografico, antropologico

In questa nostra “società liquida”, in cui i giovani sono spesso preda di un’indifferente insensatezza e tacciati di superficialità, riteniamo che sia responsabilità del mondo adulto favorire l’incontro con testimoni appassionati della vita, della cultura e dell’arte, capaci di risvegliare il gusto e la ricerca di un senso positivo dell’esistenz”

Per questo l’Associazione Flangini propone agli studenti e al pubblico occasioni di dialogo e riflessione con persone che definiremmo “Maestri di vita” con l’intento di far sperimentare e comprendere che bellezza e cultura sono “cibo” del cuore, della mente e dell’anima. Partecipano, tra gli altri, un noto poeta e critico, Davide Rondoni; un illustre scienziato e astrofisico, Marco Bersanelli.

Straordinario  evento a Saronno venerdì 15, alle ore 21, per la presenza all’auditorium della scuola Aldo Moro del Marco Bersanelli, ordinario di Astronomia e Astrofisica all’Università degli Studi di Milano, uno dei principali responsabili scientifici della Missione Spaziale Planbck dell’Esa, che interverrà  nell’ambito del ciclo di eventi intitolato “L’Infinito di Leopardi e gli infiniti altri” per la celebrazione del Duecentesimo de L’Infinito di Leopardi.

La conferenza dal titolo “La stanza smisurata dell’Infinito” è indicativa della profonda conoscenza che lo scienziato ha della poesia leopardiana, oltre che della conoscenza dello sviluppo della cosmologia da Dante a oggi.

L’iniziativa, che rientra nella Rete di Recanati, Città dell’Infinito, da cui ha ricevuto il Patrocinio, si è aperta con grande successo il giorno 26 ottobre, presso il Liceo scientifico G.B. Grassi, con una seguitissima conferenza di Elisa Tonani sull’importanza della punteggiatura, è proseguita con l’intervento di Davide Rondoni,  poeta e ideatore della Celebrazione Nazionale, a cui fa seguito appunto la conferenza di Bersanelli: un ciclo di incontri  e tre mostre per confermare che l’infinito si può declinare in tanti sensi e in vari ambiti, dall’infinitamente piccolo all’infinitamente grande.

Marco Bersanelli è ordinario di Fisica e Astrofisica presso l’Università degli Studi di Milano.

Si occupa di cosmologia osservativa, in particolare di misure del fondo cosmico di microonde, la prima luce dell’universo. Ha lavorato presso LBL, University of California (1986-91) e ha partecipato a due spedizioni scientifiche alla base antartica Amundsen-Scott al Polo Sud. Dal 1992 al 2018 è stato fra i principali responsabili scientifici della missione spaziale Planck dell’ESA, lanciata nel 2009, la quale ha ottenuto risultati fondamentali per la cosmologia e l’astrofisica millimetrica. E’ stato Direttore della Scuola di Dottorato in Fisica all’Università di Milano, ha fatto parte della Delegazione Italiana nel Science Programme Committee dell’ESA e del Consiglio Scientifico INAF.

Attualmente è impegnato in esperimenti per rivelare la traccia di onde gravitazionali primordiali nella polarizzazione del fondo cosmico, tra cui LSPE, QUBIC e il progetto spaziale LiteBIRD della JAXA. Dal 2012 è presidente della Fondazione Sacro Cuore per l’Educazione dei Giovani.

151112019

1 commento

Comments are closed.