Home Groane Per due mesi scarica rifiuti nel giardino dell’asilo: beccato e multato

Per due mesi scarica rifiuti nel giardino dell’asilo: beccato e multato

1068
0

LIMBIATE – E’ stata un’indagine avviata a Limbiate 40 giorni fa e finalmente ieri la pratica è stata archiviata con una sanzione per abbandono di rifiuti sul territorio comunale.

Il primo episodio si è registrato all’inizio di ottobre, quando i collaboratori scolastici della scuola dell’infanzia di via Roma hanno  contattato il personale dell’ufficio Ambiente per segnalare la presenza di sacchetti del supermercato ripieni di spazzatura abbandonati nel giardino del plesso. L’area è stata ripulita dagli operatori ma la settimana successiva e quelle dopo ancora, altre comunicazioni della scuola hanno portato a sopralluoghi e anche ad appostamenti di agenti in borghese, che ipotizzavano l’introduzione di estranei nel giardino della scuola non appena il cancello veniva aperto il lunedì mattina.

E’ stata però una recente testimonianza a confermare che i sacchetti si trovavano all’interno del giardino della scuola già dal sabato sera e a far così supporre che il responsabile di tutti gli abbandoni potesse essere qualcuno residente nel condominio di fronte all’edificio pubblico. L’ultimo controllo effettuato nella giornata di lunedì 25 novembre dal vigile ecologico di Gelsia Ambiente ha confermato il sospetto e portato così a dare un volto allo scaricatore abusivo. “Voglio ringraziare tutti gli operatori, dal personale dell’ufficio Ambiente agli agenti della Polizia locale agli operatori di Gelsia – commenta il sindaco Antonio Romeo – perché grazie al loro impegno, alla caparbietà e alla professionalità profusa è stato possibile individuare il responsabile, che ora verrà punito”.

L’uomo è stato sanzionato per l’abbandono di rifiuti sul suolo pubblico per il ritrovamento relativo a lunedì 25 novembre, mentre per i precedenti episodi non vi sono le prove, anche se la tipologia dei sacchetti e il contenuto ripetitivo di alcuni scarti lasciano pochi dubbi sul fatto che l’autore del gesto incivile sia sempre lo stesso.
27112019