BUSTO ARSIZIO VARESE UDIENZA PRELIMINARE PROCESSO CAZZANIGA TARONI ANGELI E DEMONI MORTI SOSPETTE OSPEDALE DI SARONNO NELLA FOTO LEONARDO CAZZANIGA IN AULA

SARONNO – Al processo nei confronti di Leonardo Cazzaniga, medico veterano del pronto soccorso all’ospedale di Saronno e di tre famigliari dell’amante Laura Taroni, sono arrivate anche le richieste delle parti civili. Come risarcimento per la morte del padre Massimo Guerra, l’avvocato dei figli di Guerra e Laura Taroni ha chiesto che Cazzaniga sia obbligato a versare 600 mila euro a figlio; 300 mila euro a testa per la morte della nonna Maria Rita Clerici e 90 mila euro a testa per il nonno Luciano Guerra, e 20 mila euro sempre a testa per la malattia del papà, prima del decesso che secondo l’accusa, come per gli altri famigliari di Taroni, avvenne per l’impropria somministrazione di farmaci. Richiesta anche una provvisionale di 250 mila euro. Le richieste sono giunte nell’udienza di ieri al tribunale di Busto Arsizio dove si sta svolgendo il processo contro Cazzaniga.

Cazzaniga, residente a Rovellasca, è accusato della morte di pazienti del pronto soccorso, e anche di avere concorso all’omicidio tramite somministrazioni di farmaci di altre tre persone, famigliari della sua amante. Era stato arrestato dai carabinieri della Compagnia cittadina nell’ambito dell’operazione “Angeli e demoni” che era stata messa a segno dai carabinieri della Compagnia di Saronno dopo lunghe e delicate indagini.

(foto: al centro con la barba, Leonardo Cazzaniga)

03122019

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.