GERENZANO / CISLAGO – C’erano anche il sindaco di Gerenzano, Ivano Campi, e quello di Cislago, Gianluigi Cartabia, nel pomeriggio di martedì alla “marcia dei sindaci per Liliana Segre”. Con la fascia tricolore, anche i primi cittadini gerenzanese e cislaghese hanno voluto lanciare un messaggio, “La tua scorta siamo noi”.

Il corteo, al quale hanno partecipato non solo sindaci ma anche esponenti politici, della società civile, delle associazioni e tanti privati cittadini, si è sviluppato fra piazza Mercanti e piazza Scala nel centro di Milano, attraverso la Galleria. Per questo evento sono giunti nel capoluogo regionale seicento sindaci (senza simboli di partito, l’iniziativa ha raccolto adesioni “trasversali”), in tutto circa mille i partecipanti. L’iniziativa è stata promossa dal Comune di Milano con l’Anci-Associazione nazionale dei comuni italiani (con il presidente, il sindaco di Bari, Antonio Decaro); Ali-Autonomie locali italiane e Upi-Unione province italiane. Il tutto in solidarietà alla senatrice Segre, sotto scorta per minacce antisemite. E’ una sopravvissuta del lager nazista di Auschwitz.

10122019

10 Commenti

  1. Da uboldese voglio esprimere il mio apprezzamento per la presenza a Milano dei sindaci di Gerenzano, Caronno P.lla e Cislago. Bravi, ben fatto.
    Mi chiedo però dove fosse il sindaco di Uboldo. Spero di non avere una delusione.

  2. Però i loro rappresentanti in parlamento sono rimasti seduti senza applaudire….ma per un selfie questo ed altro…..

    • I loro rappresentanti in parlamento risponderanno per sé. I due sindaci vanno a maggior ragione apprezzati perché hanno mostrato indipendenza di giudizio e sensibilità civile. I buoni gesti vanno sempre incoraggiati. Non buttate tutto in caciara. Lo dico da elettore di sinistra.

Comments are closed.