SARONNO – Si sa la Befana dovrebbe arrivare di notte a cavallo della scopa ma a Saronno se la prende comoda e arriva in mattinata e con un modernissimo paracadute. Il giorno dell’Epifania, lunedì 6 gennaio salvo condizioni meteo avverse, alle 11,30 sui cieli del centro sportivo Ugo Ronchi arriveranno le befane della sezione saronnese dell’associazione nazionale paracadutisti d’Italia.

“Ormai è una tradizione irrinunciabile – spiegano dal sodalizio – alle 11,30 i paracadutisti si lanceranno da un elicottero in quota e dopo aver volteggiato sopra il campo sportivo atterreranno portando dolci a tutti i presenti”. Caramelle e panettoni non arriveranno solo ai piccoli saronnesi che accorreranno al centro Ronchi: “Andremo all’ospedale di Saronno per portare un pensierino e un po’ di allegria ai piccoli del reparto pediatria e poi alla casa di riposo Focris per animare l’Epifania dei degenti”.

Sarà un’edizione un po’ diversa dal solito la prima senza la voce di Aldo Falciglia 59enne commercialista saronnese notissimo per il suo impegno con l’associazione paracadutisti di cui era cuore e anima scomparso nel giugno scorso.

05012019

3 Commenti

    • Aboliamo tutto e cambiamo tradizioni…una volta abolita dirai che è uno stereotipo del maltrattamento degli anziani…ne hai sempre una da dire…non sei più credibile…..positività

    • Ma non dire cavolate, è la festa dei bambini, una favola, e poi arrivano i Re Magi. Chi si sente offeso xché le dicono befana non ha un minimo di senso dell’humor.

Comments are closed.