SARONNO – Al quartiere Prealpi i preparativi sono ormai entrati nel vivo per il ricco calendario di eventi per celebrare Sant’Antonio e l’omonima chiesetta di via D’Annunzio.

Il comitato Gruppo storico Sant’Antoni da Saronn ha fatto le cose in grande coinvolgendo molti saronnesi e realtà del territorio del resto, come ha sottolineato dall’assessore alla Cultura Maria Assunta Miglino durante la presentazione degli eventi, “si tratta di una realtà che ha saputo far vivere, con passione e dedizione, una grande tradizione saronnese”.

Si parte sabato 11 gennaio alle 9,30 con l’animazione del “Borgo contadino”, alle 14,30 si aprirà “La via dei giochi antichi” un percorso a premi con giochi di abilità riservato ai bimbi suddivisi per fasce d’età. Alle 16 il mago delle bolle uno spettacolo per grandi e piccoli al parco degli alpini seguito alle 17,30 dalla sfilata, illuminata dalle torce, delle biciclette e dei carretti degli ambulanti di un tempo. Alle 18,30 per la prima volta si accenderà la nuova e suggestiva illuminazione del borgo. Alle 21 gran finale con lo spettacolo pirotecnico.

Domenica 12 gennaio è la giornata della rievocazione storica capace di catturare appassionati da tutto il Nord Italia. In mattinata si animerà il borgo ma alle 15 si aprirà la tredicesima edizione del corteo storico che racconterà i momenti più significativi della storia della chiesetta di Sant’antonio dal Trecento all’Ottocento. Seguirà l’esibizione dei gruppi folkloristici e alla 18,30 la grande polentata.

Lunedì 13 gennaio il borgo aprirà alle 9,30 per le visite guidate alle scolaresche al borgo contadino, alla chiesetta, alla ricostruzione della corte contadina dell’Ottocento e all’esposizione delle biciclette e dei carretti degli ambulanti.

Martedì 14, mercoledì 15 e giovedì 16 alle 21 si terrà il triduo di preghiera nella chiesetta di Sant’Antonio.

Venerdì 17 gennaio giorno in cui ricorre Sant’Antonio si rinnova l’appuntamento con la sagra. La giornata si aprirà con due messe alle 8 e alle 9 nella chiesetta. Quindi l’apertura del borgo contadino e l’arrivo di tutti gli stand del tradizionale mercatino. Dalle 14 la benedizione degli automezzi nell’oratorio della Sacra Famiglia e alle 15 quella degli animali davanti alla chiesetta. Alle 20,30 intrattenimento musicale con la banda cittadina seguita dal falò di Sant’Antonio.

Confermata la componente gastronomica con l’osteria del borgo che preparerà per tutti i giorni di attivazione del borgo trippa alla lombarda, panini con la salamella e vin brulè caldo a partire dalle 12 e dalle 19.

08012019

7 Commenti

  1. Considerato la pessima qualità dell’aria, avrei evitato lo spettacolo pirotecnico, ma vedo che purtroppo il problema non viene percepito nella sua gravità (basti vedere quanto abbiamo inquinato nella sola notte di capodanno). Avanti così…

  2. in una situazione critica per l’inquinamento si pensa ai giochi pirotecnici e al falè….complimenti

  3. Pur essendo un fan della festa, condivido l’opportunità che quest’anno, a causa delle condizioni atmosferiche, non si facciano nè i fuochi d’artificio, nè il falò … S.Antonio, amante della natura e degli animali, approverebbe di sicuro. Che Fagioli arrivi a capirlo ne dubito, ma magari mi sbaglio … in fondo siamo ancora in tempo.

  4. speriamo che per il giorno dei fuochi pirotecnici e del falò ci venga regalato un bel giorno di pioggia intensa

  5. Visto la pessima qualità dell’aria invito tutti ivitradi saronnesi ad non usare l’auto nel weekend e posizionare i propri termostati di casa a 18 gradi

  6. E l’anno dell’addio a Saronno della vecchia Lega Nord oramai perdente, l’anno prossimo la nuova Lega salviniana (quella che conta) porterà a Saronno Dante Cattaneo e finalmente avremo un sindaco dopo 5 anni di carica praticamente vacante.

Comments are closed.